Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Mafia, sequestro da 1,5milioni al boss Luigi Salerno
Scattano i sigilli per due imprese e cinque immobili

Classe 1947, vanta già due condanne, irrevocabili dal '99 e dal 2007, per associazione mafiosa ed estorsione. Tanti i collaboratori che hanno parlato di lui, definendolo un uomo d'onore della famiglia di Palermo-Centro o, addirittura, il reggente

Redazione

Circa 1,5 milioni di euro. A tanto ammonta il valore di attività commerciali e immobili riconducibili o comunque nella disponibilità del pregiudicato Luigi Salerno finite sotto sequestro. La misura patrimoniale è stata eseguita dai finanzieri del nucleo di polizia economico-finanziaria di Palermo su richiesta della Procura della Repubblica. Classe 1947, Salerno sarebbe uno storico esponente della famiglia mafiosa di Palermo-Centro e personaggio dotato di un notevole curriculum criminale. Condannato a sei anni dalla corte d'appello di Palermo per associazione di tipo mafioso, divenuta irrevocabile nel dicembre del '99, è stato successivamente condannato di nuovo con sentenza della corte d’appello di Palermo (irrevocabile dal 2007) per associazione a delinquere di stampo mafioso ed estorsione con l’aggravante mafiosa a nove anni di reclusione.

Diversi sono stati, nel tempo, i collaboratori di giustizia che hanno reso dichiarazioni sul suo conto. Tra questi c'è, ad esempio, Salvatore Cucuzza, che nel ’96 individuava in Salerno il reggente della famiglia mafiosa di Palermo-Centro. Mentre un altro collaboratore di giustizia, Marcello Fava, nel 2000 lo qualificava come uomo d’onore, sempre della famiglia di Palermo-Centro. Salerno in passato è stato già destinatario di un procedimento di prevenzione, culminato nel gennaio 2015 con l’emissione, da parte del tribunale di Palermo, di un decreto di sequestro di disponibilità finanziarie e patrimoniali per un valore stimato di oltre 10milioni di euro.

A seguito di ulteriori attività investigative, nel maggio 2018 le fiamme gialle lo hanno arrestato insieme a un suo sodale per il reato di estorsione aggravata dal metodo mafioso nei confronti dei titolari di una storica attività commerciale palermitana operante nel settore dell’abbigliamento, con canali di vendita all’ingrosso e al dettaglio. Nello stesso anno, inoltre, sono stati attivati ulteriori accertamenti nei suoi confronti, che hanno consentito di ricondurre alla sua disponibilità altri compendi aziendali e immobili.

Sulla scorta di tali ulteriori accertamenti economico-patrimoniali svolti dagli specialisti del Gico del nucleo di polizia economico-finanziaria della guardia di finanza, il tribunale di Palermo ha disposto il sequestro di due imprese individuali (una tabaccheria allo Zen e una focacceria con sede nella zona turistica di via Maqueda) e di cinque immobili (nei quartieri Brancaccio e Capo) e formalmente intestati a dei prestanome, per un valore stimato complessivo pari a circa 1,5 milioni di euro. Il tribunale ha infatti ritenuto che i beni oggetto dell’odierno sequestro fossero in concreto nella disponibilità di Salerno e che comunque tali investimenti non fossero il frutto dei risparmi derivanti da redditi fiscalmente dichiarati dai rispettivi nuclei familiari, sostenendo che i beni aggrediti costituissero il frutto o il reimpiego di guadagni provenienti da attività illecite.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews