Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Omicidio Fragalà, un pentito fa il nome del mandante
Per Lo Iacono «è stato il boss Gregorio Di Giovanni»

Arrestato a luglio per traffico di droga, il nuovo collaboratore fa lo stesso nome più volte tirato in ballo da Francesco Chiarello, le cui accuse hanno dato il via al processo per la morte del penalista, e di collaboratori intercettati durante altre inchieste

Silvia Buffa

«Bisogna dare una lezione a questo avvocato Fragalà». È questa la frase che Francesco Paolo Lo Iacono avrebbe sentito dire, mentre lavorava nel bar Bobuccio, a Gregorio Di Giovanni, il reuccio di Porta Nuova e il cui nome ha di fatto solo lambito il processo in corso in corte d'Assise per la morte del penalista, senza mai entrarci ufficialmente. Lo Iacono, arrestato a luglio per traffico di droga, avrebbe raccontato ai magistrati di Palermo che il mandante di quell'omicidio sarebbe stato proprio Di Giovanni, arrestato a dicembre in seguito al blitz Cupola 2.0. Un nome, il suo, già tirato in ballo anche da un altro collaboratore, Francesco Chiarello, sulle cui dichiarazioni è stata impostata buona parte dell'accusa contro i sei imputati a processo, ritenuti gli esecutori materiali dell'assassinio. Fragalà fu aggredito appena uscito dal suo studio, in piazza Vittorio Emanuele Orlando, con calci, pugni e bastonate, stramazzando a terra, nella sera del 23 febbraio 2010. Morì in ospedale dopo tre giorni di agonia. 

Ma il nome di Gregorio Di Giovanni viene fuori anche in altre occasioni. «Capace che se fanno una retata si portano pure a lui… Perché lui che è recidivo stavolta lo fanno morire là dentro… Va bè che ogni giorno che è fuori deve baciare i coglioni con l'ergastolo di sopra…». Scherza così Rubens D’Agostino, arrestato insieme a una trentina di altre persone lo scorso marzo. Con l’arresto di Tommaso Di Gregorio, accusato di essere stato per anni a capo del mandamento di Porta Nuova, sarebbe infatti subentrato Gregorio Di Giovanni. Una scelta pericolosa, quella di porlo nuovamente al vertice, visto il sicuro monitoraggio da parte delle forze dell’ordine «per il suo coinvolgimento nell'omicidio dell’avvocato Vincenzo Fragalà».

Un coinvolgimento rispetto al quale, a sentire le intercettazioni degli uomini d’onore, si alluderebbe quasi con disinvoltura negli ambienti di Cosa nostra. Tuttavia, tra i sei imputati nel processo attualmente in corso per il delitto, davanti ai giudici della prima corte d’Assise, il nome di Gregorio Di Giovanni non c’è. Processo che si avviava, tra l'altro, verso le battute finali. All'udienza di giovedì, che si celebrerà nell'aula bunker dell'Ucciardone, era previsto infatti l'inizio della requisitoria del pm. Momento che, quasi certamente, slitterà per la possibile richiesta da parte degli avvocati degli imputati di chiamare a testimoniare proprio il nuovo collaboratore. Intanto, la notizia non stupisce affatto Marzia Fragalà, figlia del penalista ucciso, secondo cui queste dichiarazioni «confermano già quello che durante il processo è emerso».

Ma anche nel corso di altre inchieste. Il pentito Danilo Gravagna, per esempio, nel 2015 racconta ai magistrati alcuni dettagli sull'omicidio Fragalà, tirando in ballo proprio il reuccio di Porta Nuova. «Dice che suo cugino Gregorio Di Giovanni gli ha fatto sapere che quella sera doveva chiudere prima», riferisce, raccontando una confidenza fatta da un cugino dei fratelli Tommaso e Gregorio Di Giovanni rispetto all'agenzia davanti cui fu aggredito l’avvocato. «E poi, mi ha pure detto che, mi ha fatto capire, non me l’ha detto esplicitamente…che non dovevano ucciderlo questo avvocato. Non era un…diciamo, una spedizione per ucciderlo, ma solo per punirlo…Lo dovevano punire, ecco. E se forse, io deduco da quello che mi ha detto lui, che questo avvocato forse s’intrometteva in discorsi che non gli…che non gli appartenevano». Dichiarazioni finite poi anche nelle carte dell’imponente operazione antimafia Cupola 2.0, che a dicembre scorso ha colpito i principali mandamenti di Palermo e provincia. 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews