Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Caso Mered, ecco le motivazioni della Corte d'assise
Le tappe del processo, tra errori e scambi di persona

In 412 pagine sono raccontati anni di perizie, indagini, interrogatori, tutto l'iter che ha condotto alla sentenza che certifica che l'uomo in carcere non era il boss della tratta di esseri umani, che avrebbe comunque aiutato alcuni amici a partire verso l'Europa

Gabriele Ruggieri

«In conclusione, gli esiti della complessa attività istruttoria svolta, nel restituire un granitico quadro probatorio in ordine all'identità dell'imputato acclarano l'errore circa l'identificazione del predetto, il quale è persona fisica diversa dal trafficante ricercato (Mered Medhanie Yehdego ndr) e risponde alle generalità di Medhanie Tesfamariam Berhe, nato in Eritrea il 12 maggio 1987». Ci sono volute 412 pagine, buona parte delle quali riguardanti il caso Mered, ai giudici della seconda sezione della Corte d'assise di Palermo per raccontare le motivazioni, la vita di un procedimento giudiziario fino alla sua conclusione. Pagine in cui vengono descritte in dettaglio tutte le fasi del processo, dall'arresto agli esami infiniti: Dna, perizia fonica, perizia calligrafica, talvolta anche ripetuti. Tra le righe passano veloci mesi e mesi di udienze, testimonianze, fotografie confrontate, documenti prodotti. 

E nelle motivazioni non si tralasciano nemmeno gli errori più grossolani: «Va in ultimo evidenziato - si legge - che con riguardo alle conversazioni estrapolate da Facebook Messenger, intercorse tra "Medhanie Meda" e altri utenti di volta in volta specificati, è stato segnalato come le parole "parika" e "mesi", riscontrate in dette conversazioni, siano state tradotte nell'elaborato "in maniera del tutto erronea, tali da modificare il senso effettivo delle frasi e da indurre l'Autorità procedente addirittura alla contestazione di fatti illeciti avvenuti in concorso con avverbi o proposizioni semplici"». Tutte le tappe che in tre lunghi anni hanno portato, infine, alla sentenza: «Si impone una pronunzia di non doversi procedere per errore di persona, trattandosi di imputazioni elevate a carico del predetto imputato, sulla base dell'assunto, rivelatosi errato, che questi dovesse identificarsi in Medhanie Yehdego Mered, nato in Eritrea l'1 gennaio 1981, soggetto che, allo stato, deve ritenersi ancora in libertà».

Una gioia a metà per Behre, visto che è stato comunque condannato a cinque anni e sei mesi di reclusione per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Condanna nata dal fatto che l'eritreo avrebbe aiutato almeno quattro persone a compiere il viaggio verso l'Europa. Un aiuto che l'ormai ex imputato non ha mai negato, ribadendo però di non avere mai fatto parte di nessuna organizzazione, né tanto meno di avere ricevuto un compenso. «Io aiutavo qualcuno non economicamente - dichiara interrogato dai magistrati - perché non ne ho, economicamente non ne ho la forza per mandare in Europa, però moralmente aiutavo». E ancora, come si legge nelle motivazioni: «L'imputato ha spiegato di essersi attivato affinché il corrispettivo dovuto per l'ultima parte del viaggio, "via mare", pervenisse al trafficante di uomini di nome Aboubakar, con la cui organizzazione era partito il cugino Gerie». 

Behre, assistito dall'avvocato Michele Calantropo, deve ora decidere se ricorrere in appello contro la condanna, convinto com'è di non avere compiuto nulla che avesse a che fare con le organizzazioni criminali che trafficano esseri umani, ma di avere semplicemente dato una mano ad alcuni suoi parenti e conoscenti a compiere la traversata, una traversata che anche lui, scappato dall'Eritrea e rifugiato in Sudan, presto o tardi - pare - avrebbe voluto fare. Il vero Mered, il generale di cui tanto si è parlato negli ultimi anni, intanto, è ancora in libertà.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews