Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

L'agente Accardi contro la società di Mirri
«La SSD Palermo non è il vero Palermo»

Intervenuto nel corso della Palermo Football Conference al Circolo del Tennis, il procuratore palermitano ha lanciato frecciate al presidente dell'attuale sodalizio. Presenti anche altri ex rosanero come Lupo e Pietro Accardi

Antonio La Rosa

Foto di: TuttoBolognaWeb

Foto di: TuttoBolognaWeb

«Il Palermo non è in serie D. Il vero Palermo è un altro, non c’è più, e non è la SSD Palermo». In una città che in questi mesi ha imparato ad identificarsi con il sodalizio presieduto da Dario Mirri c’è anche chi non si sente rappresentato dalla nuova compagine societaria. Uno di questi è l’ex rosanero Beppe Accardi, procuratore palermitano intervenuto oggi al Circolo del Tennis alla Palermo Football Conference, evento realizzato in collaborazione con AvvocatiCalcio e l’Istituto Salesiano Don Bosco Ranchibile. «Sento parlare di presidenti tifosi ma la verità è che il cuore non esiste e che tutti agiscono solo per interesse - ha dichiarato -, vedere uno stadio con 18mila tifosi in D mentre in Coppa Uefa ce n’erano solo 4mila è mortificante. Sono arrabbiato perché non riesco a capire chi sostiene che è meglio essere in D piuttosto che in A con Zamparini e lo dico osservando i fatti partendo dal presupposto che non ho alcun interesse a parlare bene di Zamparini. Per onestà intellettuale, però, bisogna ammettere che al netto degli errori che ha commesso nell’ultimo periodo, con lui si è visto il vero calcio a Palermo. La gente è contenta di essere in D? Non lamentiamoci, è quello che vogliamo, è quello che vuole una città che non vuole crescere». Dichiarazioni forti alle quali Mirri, che comunque valuterà le parole di Accardi, al momento non sembra volere concedere particolare importanza.

Nella fase delle negoziazioni per la cessione del club di viale del Fante, Accardi in qualità di intermediario spingeva per la vittoria del fondo americano York Capital: «Anche le Procure hanno rallentato nel momento in cui hanno capito che non era il caso di infierire sapendo che il Palermo poteva essere acquistato da un gruppo economicamente così forte. La trattativa è saltata per la clausola legata alla vicenda Mepal (società detentrice del marchio ceduta poi alla holding lussemburghese Alyssa, ndr) ma qualsiasi persona sana di mente davanti a questa vicenda si sarebbe allontanata». Il presente si chiama SSD Palermo targato Mirri: «Il sindaco poteva anche evitare di indire il bando, in generale dico che la politica deve rimanere fuori dallo sport. E a proposito del bando, resto perplesso nel momento in cui il sindaco assegna il titolo sportivo a chi dovrebbe garantire una certa continuità e poi leggo che in caso di B il club potrebbe essere ceduto».

Accardi si è tolto dei sassolini dalle scarpe. Gli stessi, in un contesto totalmente diverso e che non riguarda gli sviluppi societari, che l’ex direttore sportivo rosanero Fabio Lupo si è voluto togliere nei confronti dell'ex patron Zamparini. L’esonero del febbraio 2018 ancora non gli va giù: «Si dice che mi abbia mandato via perché sono una persona troppo per bene, ma questo mi fa riflettere perché vuol dire che ha allontanato me per avvicinare gente che non era per bene. La verità - ha dichiarato l’attuale ds del Venezia durante la conferenza odierna al Circolo del Tennis - è che neanche Zamparini sa perché mi ha sollevato dall’incarico. Io mi sono sempre assunto la responsabilità di ciò che ho fatto e con me alcune persone che gravitavano intorno a lui non sono riuscite a esercitare la loro influenza». Il Palermo, in ogni caso, adesso si ritrova in quarta serie: «Il Venezia non ha responsabilità. Che sono, invece, di chi ha gestito la società. Il Palermo in D, e lo dico anche dopo avere osservato ieri la cornice di pubblico in occasione della gara con la Cittanovese, è una ferita profonda per la città ma anche un grande danno per tutto il calcio».

La scomparsa dei rosanero dai radar del calcio professionistico fa male anche all’ex attaccante del Chievo, Pellissier («In D è la più forte ma per tornare tra i grandi bisogna compiere passi importanti»), all’ex difensore rosa Pietro Accardi, palermitano e attuale ds dell’Empoli («Ho vissuto pagine molto importanti nella storia del club ed è triste vedere i rosa in D») e all’ex tecnico rosanero Devis Mangia: «Vedere il Palermo in D è un peccato mortale considerando che, per blasone e amore di questa piazza nei confronti della squadra, dovrebbe essere nei primi 5-6 posti in Italia e lottare per l’Europa. L’importante, comunque, è che il club sia ripartito e che si faccia di tutto per riportare il Palermo dove merita di stare».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews