Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Bellolampo, la Regione diffida Rap sul rischio percolato
Norata: «Ostacolo pretestuoso alla gestione pubblica»

Il Dipartimento Acque e rifiuti ha inoltrato alla municipalizzata sei scadenze da rispettare, pena la sospensione dell'Aia. Non si è fatta attendere la replica della municipalizzata che gestisce la discarica: «Al tavolo del 30 settembre non si è fatto alcun cenno»

Redazione

Foto di: Antonio Melita

Foto di: Antonio Melita

Che tra Regione e Comune di Palermo sulla discarica di Bellolampo non corresse buon sangue è cosa nota. Recentemente, tuttavia, sembrava che le istituzioni volessero abbassare i toni per superare le tante criticità presenti. Ieri però la diffida del Dipartimento Acque e Rifiuti ha riaperto le conflittualità: con una nota la Regione ha inoltrato alla Rap, la municipalizzata che gestisce Bellolampo, sei scadenze da rispettare. Altrimenti il rischio è la sospensione dell'Aia, l'autorizzazione integrata ambientale. 

Il problema più urgente da affrontare per la Regione, come sottolineato già da MeridioNews, è quello del percolato. E riguarda le 40mila tonnellate di rifiuti accatastati da un mese presso i locali del Tmb, e che continuano ad aumentare perché non si riesce a smaltire la quota giornaliera: il Dipartimento stabilisce che va rimosso entro sette giorni prima che inquini il terreno.

La Regione parla di questa diffida come «atto dovuto», dopo l'ultima relazione dell'Arpa. Mentre il Comune di Palermo replica con stizza. «Noi riceviamo gli ultimatum mentre i privati fanno quello che vogliono» commenta l'assessore Giusto Catania. Non è un caso che negli scorsi giorni che il sindaco Orlando abbia incontrato il ministro all'Ambiente Sergio Costa, quasi a voler scavalcare l'assessore regionale ai Rifiuti Alberto Pierobon. E ora arriva una replica polemica da parte dell'amministratore unico Giuseppe Norata.

«Rimango perplesso ed esterefatto per questa nota perché le condizioni di criticità anche ambientali della raccolta e smaltimento dei rifiuti sono ben note - dice Norata - e sono state rappresentate in ogni sede competente, del governo e del parlamento regionale, nonchè del governo e del parlamento nazionale, e in ultimo evidenziate con chiarezza nella riunione dello scorso 30 settembre convocata presso la prefettura di Palermo durante la quale, la Regione non ha fatto cenno alcuno a quanto riportato nella diffida».

In quel tavolo prefettizio vista la presenza di tutti gli organi competenti e autorizzativi sottolinea Norata, «le criticità potevano essere perfettamente superate ma la Regione è rimasta, evidentemente, silente. Considerato che si intendono demandare le responsabilità esclusivamente alla nostra gestione aziendale, per talune affermazioni e prescrizioni si intende far valere le nostre legittime ragioni in tutte le eventuali sedi opportune - conclude - al fine di contrastare ogni ostacolo pretestuoso alla gestione pubblica dei rifiuti nella città di Palermo».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews