Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Via D'Amelio, «ero lì ma non ricordo niente»
I vuoti di memoria di chi sorvegliò Scarantino

«Non sono sicuro», «non lo so», «nessuno mi ha mai detto niente». Queste le frasi scandite prima da un agente che si occupò della vigilanza esterna del collaboratore, e da un funzionario che lo scortò a Roma dopo. «Certe cose non le dicevano certo a me»

Silvia Buffa

«Scarantino? Mai nessun contatto con lui». A parte questo, non sono troppi i ricordi riferiti oggi a Caltanissetta dal vice ispettore Fabrizio Biasiato, sentito nell'ambito del processo a carico degli ex funzionari del gruppo Falcone-Borsellino Mario Bo, Matteo Ribaudo e Fabrizio Mattei, accusati di calunnia aggravata. In servizio alla questura di Imperia dal '93, l'anno successivo è uno degli agenti incaricati di occuparsi di Vincenzo Scarantino, alloggiato con la famiglia in una villetta a San Bartolomeo a Mare. Ma lui è un agente scelto, all'epoca, che si occupa solamente della vigilanza esterna, in quella casa lui di fatto non ci entrerà mai. «I miei erano turni di sei ore, ricordo che i colleghi della questura erano responsabili del servizio di vigilanza esterna, svolto unitamente a dei colleghi del nucleo prevenzione anticrimine di Genova. Io ero l'unico della questura di Imperia. Non ricordo molto, tranne che eravamo posizionati in varie postazioni rispetto all'abitazione».

«Ci alternavamo - prosegue il vice ispettore -, eravamo dislocati in più punti all'esterno e circa ogni ora ci ruotavamo. Non eravamo mai meno di quattro. Scarantino aveva sempre la scorta quando si spostava, ma non sapevo molto di preciso, solo che era un collaboratore e che aveva a che fare con la strage in cui era morto il giudice Borsellino. Noi della vigilanza esterna non avevamo nessun rapporto con lui, assolutissimamente no, almeno io. Al massimo lo vedevo passare quando arrivava con la scorta o quando andava via, ma niente di più. Non entravamo mai nella sua abitazione, dovevamo solo fare vigilanza esterna e stare attenti a qualunque eventuale anomalia, da segnalare a un superiore». Non ricorda, tuttavia, quali disposizioni avesse ricevuto rispetto a chi entrava o usciva da quella casa, rispetto a ttti quelli che, diversi da Scarantino e dai suoi familiari, si avvicinavano a quella casa.

«Dietro il "non ricordo" ci arrendiamo, ma...non è stato un giorno, ma un servizio di quasi un anno, giravano solo attorno alla casa?», si interroga con tono però rassegnato un avvocato di parte civile, nel tentativo vano di sollecitare la memoria del teste, che continua a scuotere la testa e a replicare allo stesso modo. «Qui oggi non vedo nessuna faccia conosciuta», aggiunge poi il vice ispettore, guardando i volti delle persone in aula, dove sono presenti due dei tre imputati, seduti in prima fila davanti a lui. «Lì - chiarisce, infine, rispondendo alle domande - non ho mai visto né appunti né carte, niente. Come non ricordo di aver mai assistito ad alterchi verbali o fisici tra Scarantino e il personale». Mai niente, sembra quasi che non ci sia mai neanche stato davanti alla porta di quella villetta a San Bartolomeo a Mare. «Mario Bo? Non so neanche chi sia», dice infine. 

Quasi identici i ricordi sfumati del teste successivo, il sovrintendente capo in pensione Ferdinando Milo. Anche lui, nel periodo dell'ottobre '94-luglio '95 è in servizio alla questura di Imperia. «Ho fatto servizio di scorta ad alcuni collaboratori. Tra questi c'è stato anche Vincenzo Scarantino - spiega -. Mi ricordo di averlo acompagnato a Roma con altri colleghi». E cita i nomi di tre funzionari della mobile di Imperia, tirando in ballo poi anche «due colleghi siciliani». Siciliani di dove? «Non ne ho idea», dice subito. anche se anni fa parlò esplicitamente di colleghi di Palermo, perché? «Mi passò così per la mente, non sono sicuro - replica all'insistenza del pm -. Avevo quel flash, mi è venuto in mente Palermo e l'ho detto. Oggi confermo quella dichiarazione. In ogni caso, non ricordo le loro fattezze. Se dovessi rivederli adesso, non li riconoscerei».

E anche lui, malgrado il servizio di scorta durante il quale accompagnò Scarantino, dichiara di non aver mai avuto nessun contatto diretto con il collaboratore. Come mai, domanda ancora il pm. «Non lo so». Di quel giorno sono molti i dettagli, finiti in un verbale di servizio, che oggi lui non ricorda nemmeno. «Sono passati 25 anni», insiste più volte il teste, per giustificarsi. Nel documento a firma di un collega, quella giornata sembra essersi svolta andando subito, appena arrivati nella Capitale, negli uffici dello Sco, e poi a un incontro coi magistrati di Caltanissetta. Fatti di cui nei ricordi dell'ex sovrintendente non esiste tuttavia traccia. «Non so dove dovesse andare Scarantino quel giorno. Cioè, proprio non lo so. I colleghi della mobile e quelli di Palermo a noi non dicevano niente, perché non eravamo di quell'ufficio». Non ricorda nemmeno di essere andato, con quello stesso collaboratore, nell'aula bunker di Rebibbia in occasione di un processo. «Certe cose - insiste il teste - in ogni caso non le venivano certo a dire a me», tirandosi fuori.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews