Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

TuttAPPosto, il film di Lipari contro caste e stereotipi
«Porte chiuse dalle università, diamo fastidio ai baroni»

La pellicola d'esordio del giovane comico è appena uscita in circa 300 sale. E nasconde dietro un'aria leggera una dura critica sociale a tutto campo. «L’abuso di potere è ovunque, non solo al Sud, noi siamo solo più bravi a farlo notare e a metterlo in risalto»

Francesco Lodato

Cambiare le cose è possibile. Forse le motivazioni che ci spingono ad agire non saranno sempre nobili o altruistiche, ma l’importante è il raggiungimento dello scopo finale e la modifica dello status quo. Si potrebbe riassumere così TuttAPPosto, il primo lungometraggio del comico Roberto Lipari, prodotto dalla Trump Ltd e distribuito da Medusa. Un film appena uscito in oltre 300 sale sul territorio nazionale, che dovrà scontrarsi al botteghino con pellicole del calibro di Joker, l'acclamato filmi nterpretato da Joaquin Phoenix. Un prodotto quasi profetico, la cui trama gira intorno alla lotta degli studenti contro il baronato universitario, in una Sicilia recentemente scossa proprio dallo scandalo che ha visto coinvolti il rettore e 18 docenti dell’ateneo catanese. Lo stesso che «aveva diffidato la Trump Ltd e il regista dal riprendere qualsiasi luogo legato all'università etnea per evitare ingiuste associazioni con gli eventi del film», come raccontato da Gianni Costantino, direttore della pellicola. 

Fortunatamente, uno dei meriti di TuttAPPosto, come affermato già nell'incipit del film, è quello di abbandonare gli stereotipi criminali dei prodotti girati sull’isola, dando vita a una storia che potrebbe essere ambientata in qualsiasi regione italiana. Non è un caso se «le università ci hanno chiuso le porte per la presentazione del film: questo mi fa piacere, perché se stiamo infastidendo i baroni, vuol dire che nel nostro piccolo siamo stati capaci di scalfirne l’aura di inattaccabilità», afferma Roberto Lipari. TuttAPPosto potrebbe sembrare un film sullo scontro tra giovani e adulti, una lotta generazionale rappresentata dall'opposizione delle battute «lasciami sognare» e «tanto non cambia nulla», che attraversano l’intero film. Invece, a sentire gli autori, la sfumatura concettuale è abbastanza diversa.

«Nel film abbiamo cercato di mostrare come la collaborazione sia la soluzione ai problemi, soprattutto quella tra generazioni diverse, ma anche quelle tra le persone in generale», sostiene infatti Ignazio Rosato, autore e sceneggiatore insieme con Paolo Pintacuda e lo stesso Lipari. «Nel film sembra che la nostra app possa cambiare le cose, ma alla fine la chiave resta sempre il metterci la faccia, l’agire di persona insieme con gli altri», prosegue lo sceneggiatore, parlando di un prodotto capace di sfatare molti luoghi comuni attraverso una critica sociale a tutto campo, mixata con scene divertenti e una spruzzata di filosofia spicciola e quotidianità che rende più vera una finzione che parla di verità. «Il film nasce da noi, dalla nostra esperienza personale - spiega lo stesso Lipari -, ed è stato chiaramente influenzato dalla mia età, che è quella universitaria e la comicità migliore viene dalla pancia, dal tirare fuori quello che abbiamo dentro, dal nostro vissuto».

TuttAPPosto vanta una sapiente regia, capace di alternare accelerazioni e rallentamenti nei movimenti di camera per accompagnare le azioni e i dialoghi dei personaggi, ma anche la bravura degli attori coinvolti. A partire dalle giovani promesse che affiancano Lipari nel ruolo degli studenti: Viktoriya Pisotska, Carlo Calderone, Simona Di Bella e Francesco Russo. Ma ha il suo peso anche il contributo dei grandi veterani del cinema italiano, da Luca Zingaretti a Ninni Bruschetta, Paolo Sassanelli, Sergio Friscia e Monica Guerritore. «Uno dei consigli più importanti di Ficarra e Picone, che hanno creduto in questo progetto seguendo le fasi della lavorazione e lasciandoci liberi anche di sbagliare, è stato quello di usare attori professionisti per non cadere nell'errore di un cast completamente composto da comici», racconta ancora Lipari, ringraziando e lodando la professionalità di tutti, soprattutto di Zingaretti, nel doppio ruolo, quasi caricaturale, di rettore/avversario e padre del protagonista.

Definire TuttAPPosto un film semplicemente comico, infine, non renderebbe giustizia al lavoro degli sceneggiatori, abili nel confezionare un prodotto a tratti agrodolce, che evita abilmente quasi tutti gli stereotipi del film italiano, sfiorando sia il dramma adolescenziale che la commedia all'italiana. Se non fosse ambientato nella fittizia località di Borbona Sicula (ricreata tra Catania ed Acireale) questo prodotto non avrebbe quasi nulla, accenti e cibo esclusi, capace di collocarlo realmente in Sicilia perché, «l’abuso di potere è ovunque, non solo al Sud, noi siamo solo più bravi a farlo notare, a metterlo in risalto - prosegue Lipari - e il mondo universitario è una sineddoche del potere politico e del suo abuso, messo in atto tramite la meccanica del ricatto».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews