Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Blutec, la protesta ora si sposta a Fiumetorto
Cgil: «Operai senza ammortizzatori da luglio»

I lavoratori hanno provato ad alzare il tiro della contestazione, dopo un'assemblea infuocata coi sindacati, per poi tornare ai cancelli dell'ex stabilimento Fiat. Mastrosimone: «Entro il 31 ottobre piano di rilancio, ma al momento sembra non esserci nulla»

Andrea Turco

L'ennesima protesta degli operai ex Fiat di Termini Imerese, che riguarda 650 persone del diretto e 300 dell'indotto, prova qualche variante. E si sposta alla stazione di Fiumetorto, nella zona industriale, dove il transito dei lavoratori sui binari ha rallentato il passaggio di una manciata di treni per poi tornare nuovamente davanti l'ex sede dell'azienda automobilista torinese. Una decisione, quella di provare ad alzare il tiro della contestazione, che è giunta dopo un'infuocata assemblea convocata da Cgil, Cisl e Uil

«La tensione è molto alta tra gli operai - dice il segretario regionale Fiom Roberto Mastrosimone - e i motivi sono molteplici: dal 30 giugno la cassa integrazione è bloccata, quindi gli operai hanno avuto un'estate senza alcuna tutela da parte dello Stato, e preoccupano ulteriormente le prospettive industriali. Il rischio è che salti tutto il piano di reindustrializzazione con tutti i mille lavoratori. Dall'amministratore giudiziario di Blutec, il dottor Giuseppe Glorioso, (nominato dopo le note vicende che hanno riguardato le accuse di malversazione da parte dell'azienda, ndr) al momento non arriva alcuna notizia. Entro il 31 settembre dovrà presentare un piano di rilancio dell'azienda. Ma la preoccupazione è tanta, anche perché non ci sembra che siano movimenti da parte di gruppi industriali forti su Termini Imerese».

I manifestanti chiedono nuovamente la convocazione di un tavolo a Roma, anche perché nel frattempo dall'ultima protesta la guida del governo nazionale è cambiata. Così come l'interlocutore al Ministero dello Sviluppo Economico, con le deleghe prima in mano unicamente a Luigi Di Maio (spostato agli Esteri) che passano rispettivamente nelle mani di Nunzia Catalfo (neoministra del Lavoro), all'ex capogruppo al Senato per il M5s Stefano Patuanelli (che si occupa di Sviluppo Economico). Due nomine nel segno della continuità, almeno in teoria, visto che entrambi gli esponenti di governo sono pentastellati. Dal giorno dell'insediamento, avvenuto il 5 settembre, nessun cenno da parte dei due dicasteri

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews