Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Casa del Popolo, dopo lo sgombero il corteo
«Non c'è nessun progetto lì, diamo fastidio»

Centinaia di persone sono scese oggi in piazza per manifestare solidarietà agli attivisti palermitani e ribadire l'importanza degli spazi sociali. «Non si distingue ciò che è legale da ciò che è morale, comunque avevamo avviato una trattativa per un comodato d'uso»

Andrea Turco

Foto di: Antonio Melita

Foto di: Antonio Melita

Centinaia di persone sono scese in piazza oggi contro lo sgombero della Casa del Popolo, il centro occupato in via Cavour ed ex sede dell'Istituto Nazionale Sordomuti. All'insegna dello slogan entriamo quando vogliamo realtà sociali, associazioni e singoli hanno percorso il centro storico per sfociare poi in quel luogo che da luglio, dopo mesi di abbandono e in precedenza già occupato dai centri sociali palermitani, offriva alla popolazione una serie di attività sociali: dal doposcuola gratuito allo sportello per la casa e a quello per il lavoro, dall'insegnamento dell'italiano agli stranieri alla raccolta e distribuzione degli indumenti, fino a una biblioteca e ad alcune aule studio.

«Le istituzioni hanno fornito finora versioni contraddittorie - dice Angelo Candiloro - ma la verità è che non c'erano ragioni valide per sbatterci fuori. Stavamo svolgendo una serie di attività importanti per la città. È stato l'assessore Mattina ad assicurarci che non c'è nessun progetto su questo edificio, segno che davamo fastidio alla nostra vicina di casa (il riferimento è alla prefettura che dista pochi metri, ndr). Questo dimostra che non si distingue ciò che è legale da ciò che è morale fare. Da quando siamo entrati noi abbiamo avviato una trattativa con l'ente gestore di questo spazio. Giovedì scorso avevamo avanzato, attraverso un documento, una proposta di comodato. Per poi scoprire pochi giorni dopo che alla sede erano stati messi i lucchetti».

Dalla mattina del 18 settembre, da quando cioè lo sgombero della Casa del Popolo è stato effettuato, gli attivisti hanno ricevuto numerosi attestati di solidarietà da tutta Italia. Tra i partecipanti al corteo di oggi c'è anche Elio Teresi, dell'associazione Radio Aut, che a breve rimetterà in funzione (online) l'omonima radio che intende portare avanti le lotte sociali nel nome di Peppino Impastato. «Quello ricevuto dalla Casa del Popolo è stato un atto di prepotenza - dice -, ancor più grave perché colpisce un luogo di libertà e partecipazione che con le proprie attività aveva costruito percorsi di antimafia sociale». 

In un primo momento si era parlato di uno sgombero effettuato per far posto a Ostello Bello, la struttura turistica a sfondo sociale inventata tra gli altri da Carlo Dalla Chiesa, nipote del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa che ha lavorato nella prefettura di via Cavour appena 100 giorni prima di essere assassinato dalla mafia. La voce però è stata successivamente smentita. 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews