Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Ustica e quell'unica scuola che non può ricorrere ai precari
«Se si ritarda ancora c'è il rischio che l'anno non sia valido»

Sono scadute alle 11 le messe a disposizione del personale Ata per l'istituto Profeta. Ma per le nomine dovrà passare ancora qualche giorno. E tutto per un problema informatico che si ripresenta da quattro anni. Usb: «Un continuo rimpallo di responsabilità»

Andrea Turco

Foto di: Andrea Turco

Foto di: Andrea Turco

Da cinque anni tutte le scuole d'Italia possono scaricare le graduatorie interne del personale Ata, in modo cioè da ricorrere ai precari, tranne Ustica. È il paradosso che ha finora impedito l'apertura dell'istituto Saverio Profeta, che sta ritardando l'avvio delle lezioni da ormai una settimana (in provincia gli studenti sono in classe da martedì 17 settembre) per la mancata nomina di tre assistenti amministrativi e di cinque collaboratori scolastici (al momento  ce ne sono solo due). Dopo giorni di rimpalli di responsabilità e di incomprensioni tra il sindaco Salvatore Militello e il dirigente scolastico Massimo Leonardo, a quest'ultimo è stata concessa la possibilità di nominare direttamente le figure del personale Ata che mancavano. 

Ma come si è potuti arrivare a uno stallo del genere? «Ci sono due ordini di problemi - spiega Luigi Del Prete, che fa parte dell'esecutivo nazionale dell'Usb scuola - Da una parte c'è la scarsa appetibilità di posti come Ustica e in più da quattro anni l'istituto Profeta non ha una graduatoria d'istituto. Noi docenti ogni tre anni possiamo inserire le nostre disponibilità per le supplenze. E la scuola dell'isola palermitana, non si è mai capito se per un problema tecnico risalente al Miur, non riesce a scaricare le graduatorie per cui dall'istituto non si può accedere alle liste dei precari. Quindi ci si ritrova con un doppio problema: il personale a tempo determinato del personale Ata non sceglie Ustica perché non gli conviene ai fini della carriera, e dall'altra le graduatorie interne con le quali la scuola avrebbe potuto sopperire da quattro anni non sono accessibili.  E c'è un continuo rimpallo di responsabilità tra ufficio scolastico provinciale, quello regionale e il ministero».

Alle ore 11 di questa mattina è scaduta la possibilità di presentare la richiesta per i posti mancanti. In teoria, dunque, già da domani le lezioni potrebbero riprendere. Ma Del Prete è pessimista. «Quello che è un semplice problema informatico a mio avviso rallenterà ancora le procedure - spiega il sindacalista - Ci sono poi i tempi burocratici da tenere in considerazione, perché se è vero che già da oggi potrebbero partire le prime chiamate è anche vero che ciò di solito si traduce in almeno un'altra settimana. Quindi gli studenti e le studentesse usticesi potrebbero andare a scuola solo dal 30 settembre. Ciò metterebbe in difficoltà il raggiungimento dell'anno scolastico, perché il rischio è di non accumulare i giorni necessari affinché venga resa valido l'anno scolastico». 

Prevedibilmente all'istituto Profeta si dovrà saltare qualche giorno di vacanza. Mentre i genitori degli alunni restano sul piede di guerra e sui social parlano di possibili denunce per interruzione di pubblico servizio. È una strada percorribile? «La responsabilità in questo senso dovrebbe essere del ministero - spiega Del Prete - A mio avviso poi si delinea un altro scenario: il personale Ata che ha messo a disposizione la propria disponibilità in graduatoria, la stessa che non è possibile scaricare, potrebbe fare ricorso contro le nomine dirette dell'istituto». La consolazione è che, al contrario di quello che è stato affermato in un primo momento, quest'anno a Ustica non mancano i docenti. Il problema però rimane, e potrebbe ripresentarsi l'anno prossimo.

«Tra i docenti Ustica è una situazione non gradita - dice ancora il sindacalista - compresi quelli del Nord che preferiscono rimanere vicino casa invece di un anno di precariato. Come è noto nell'isola c'è un problema di trasporti, d'inverno si rischia di rimanere nell'isola anche nei weekend. C'è poi un problema economico, perché nell'isola le spese sono maggiori. Non c'è nessun incentivo economico, come avveniva ormai decenni fa, così come è stato tolto il doppio punteggio per chi sceglieva di insegnare nelle isole minori. Ustica è abbandonata a se stessa, così come Lampedusa e tutte le altre isole». 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews