Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Partinico, cane legato e ucciso a zappate sulla schiena
Non sarebbe il primo caso. È caccia al responsabile

Se n’è andata così Ruth, che in paese conoscevano quasi tutti. A nulla sono valsi gli sforzi disperati dei volontari che, insieme al ragazzo che l’ha trovata, hanno tentato di salvarla portandola in una clinica veterinaria

Silvia Buffa

Incaprettata, quasi data alle fiamme e bastonata fino a morire. Se n’è andata così Ruth, cagnolina randagia che a Partinico conoscevano quasi tutti. A nulla sono valsi gli sforzi disperati dei volontari che, insieme al ragazzo che l’ha trovata, hanno tentato di salvarla portandola in una clinica veterinaria. A finire a colpi di pala la povera cagnolina bianca sarebbe stato un anziano contadino che, secondo il tam tam esploso online, non sarebbe la prima volta che uccide dei cani attuando, tutte le volte, le stesse modalità.

Secondo una prima ricostruzione, l’uomo avrebbe avvicinato la cagnolina con l’inganno, finendo poi per legarla con del fil di ferro e spezzarle la colonna vertebrale, paralizzandola. Allarmato dai forti guaiti dell’animale, un vicino che più volte aveva accudito la cagnolina si sarebbe accorto di quello che stava accadendo, in mezzo al verde delle campagne della zona di Valguarnera. Avvisando le forze dell’ordine, che però non sarebbero arrivate. Gli unici a intervenire sono alcuni volontari, che però non riescono a salvare Ruth. «Non ci voltiamo dall’altra parte, non adottiamo un atteggiamento omertoso, non nascondiamo volto e nome di questa persona», scrivono sui social alcuni animalisti. E il nome del presunto responsabile, da ieri, sta facendo il giro del web. Soprattutto perché questa volta l’anziano contadino sarebbe stato colto sul fatto e immortalato da una fotografia, che lo ritrae chinato sulle zampe posteriori già legate del cane. «Vogliamo giustizia, siamo stanchi di continuare ad assistere inermi a queste barbarie».

Gogna mediatica a parte, l’articolo 544-ter del codice penale punisce chiunque maltratti o addirittura uccida degli animali. «Reclusione da tre a diciotto mesi o multa da 5mila a 30mila euro - recita il testo -. La pena è aumentata della metà se dai fatti di cui al primo comma deriva la morte dell'animale», la puntualizzazione finale. «A seguito di varie segnalazioni a me pervenute in data odierna 10/9/2019 sono a richiedervi vs intervento e conseguente verbalizzazione dei fatti accaduti perpetrati ai danni di un cane (…), da parte del sig. C.G. di Partinico, che nei fatti ha tentato di uccidere il cane colpendolo con un oggetto contundente metallico, si pensa ad una zappa, che gli ha causato completa paralisi e poi lo ha legato col fil di ferro per appenderlo/legarlo o impiccarlo a un albero. Il sig. C.G. è stato sorpreso mentre commetteva questo crimine», si legge nella pec inviata dal vice presidente economo della Leon's Garden, associazione animalista onlus di Cinisi, Nicola Chiarappa, al comando dei carabinieri di Partinico.

«Già precedentemente sono accaduti fatti analoghi ai danni di altri cani (…), trovati morti massacrati e riconducibili probabilmente alla stessa persona ma senza mai averne certezza o prove inconfutabili. Chiedo alle istituzioni preposte un intervento che verbalizzi i fatti e proceda nei confronti di questa persona», la richiesta finale. «Sono stato poi richiamato dal comandante della stazione - racconta Chiarappa a MeridioNews -, che mi ha assicurato telefonicamente che avrebbero provveduto a fare gli accertamenti del caso e a verbalizzare tutto. Intanto, il ragazzo che ha trovato la cagnolina tentando di salvarla ha già fatto la sua denuncia ieri mattina. Purtroppo questo è solo uno dei pochi fatti che emerge e che accade a Partinico. Le istituzioni assenti. Ma intanto potrei raccontare fatti giornalieri, simili e a volte peggiori a quest’ultimo, l’unica cosa possibile è denunciare», dice ancora l’animalista, uno di quelli che si è attivato per tentare di salvate Ruth.

«È morta perché le hanno spaccato i polmoni, ci sono state complicazioni per le badilate alla cassa toracica», torna a dire, senza potersi dare pace. «Questo individuo è un potenziale assassino. Autorità dove siete?», si chiede più d’un utente sul web, appena scoppiato il caso della povera cagnolina uccisa. Mentre impazzano le petizioni online per inasprire le pene contro reati di questo genere e le pagine commemorative dedicate a Ruth, in cui si chiede a gran voce giustizia per la sua morte. Altri animalisti, invece, stanno organizzando una manifestazione sul posto.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews