Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Sala delle Lapidi, Catania apre al M5s
«Nessuna intesa, ma con buonsenso...»

La formazione del nuovo governo ha già provocato i suoi effetti a Palermo. L'assessore alla Mobilità tende una mano al Movimento che declina ma lascia una porta socchiusa, chiedendo la revoca dell'aumento delle ore di sosta a pagamento sulle strisce blu

Stefania Brusca

Foto di: Antonella Lombardi

Foto di: Antonella Lombardi

Mentre il nuovo governo giallorosso si presenta al Senato per ottenere la fiducia, a Sala delle Lapidi Giusto Catania cerca di rimodulare il modello Palermo per includere anche il Movimento Cinque Stelle. I pentastellati per il momento restano all'opposizione ma aprono uno spiraglio ad accordi su «atti concreti». Le ultime vicende politiche nazionali sono state spunto di riflessione per l'assessore alla Mobilità che oggi su Facebook ha teso una mano agli ex nemici nel suo stile, ricordando luci e ombre del rapporto tra SC e M5s. 

Il post di Catania inizia rivendicando la scelta di Sinistra Comune, il primo gruppo consiliare a «a voler costruire un dialogo col Movimento 5 Stelle Palermo. All'inizio di questa nuova consiliatura, nel 2017, mentre i grillini praticavano la linea dell'isolazionismo Sinistra Comune propose e votò Ugo Forello, il loro candidato sindaco, come vice presidente del Consiglio Comunale. Fummo molto criticati per questa apertura di credito, senza chiedere nulla in cambio, ai consiglieri di Cinque Stelle». Per Catania «oggi quella nostra intuizione, dopo mesi di sbandamento alla rincorsa di Salvini, risulta politicamente sensata». Un percorso che ha visto anche momenti di profonda distanza: «In questi due anni - ricorda Catania - non sono mancati gli scontri, anche duri, con i consiglieri del Movimento 5 Stelle che troppo spesso hanno confuso Sala delle Lapidi per un tribunale o per una seduta di psicoterapia». Ma ci sono stati anche momenti di convergenza «sui valori e sui principi che devono governare sempre i processi amministrativi», afferma l'assessore. Infine chiude un post con un auspicio che però mette il dito in una ferita ancora aperta per il Movimento a livello locale: «Credo che la nascita del nuovo governo Conte possa perfino appianare i dissensi interni al gruppo consiliare grillino, che nel frattempo si è lacerato, e consentire una nuova fase della vita politica ed amministrativa della città in grado di guardare con fiducia al 2022.Palermo può essere un laboratorio per costruire un percorso virtuoso imperniato sulla buona politica, sulla legalità e sulla visone di futuro». 

Ma il Movimento Cinque Stelle declina l'offerta e resta dove si trova, pur dimostrando di avere fatto tesoro dell'esperienza politica di questi anni. L'opposizione senza se e senza ma del muro contro muro ha infatti lasciato il posto a qualcosa di più di uno spiraglio, come una porta socchiusa. In una nota l'intero gruppo consiliare e i consiglieri di circoscrizione del Movimento Stelle ribadiscono la loro posizione ma lanciano sul tavolo un primo punto da sostenere insieme: «Nel ringraziare l'Assessore Giusto Catania ribadiamo che il Movimento 5 Stelle è e resterà all'opposizione in Consiglio comunale».  Per i pentastellati quindi «nessuna alleanza è necessaria al Comune per realizzare cose di buon senso e per lavorare con operosità a favore dei cittadini». Ma l'azione del gruppo qui si fa capace di cogliere le occasioni di dialogo, proprio sullo stesso terreno dell'assessore: «Approfittiamo comunque delle parole che oggi l'assessore Giusto Catania ci ha rivolto - dicono - per ribadire la nostra incondizionata disponibilità a supportare atti concreti come, ad esempio, la revoca immediata del provvedimento che aumenta le ore di sosta a pagamento nelle zone blu. Sarebbe un bel segnale di disponibilità e ascolto delle proposte del Movimento 5 stelle da parte della Giunta ma soprattutto sarebbe un qualcosa di utile per i cittadini».

Ma il commento più duro arriva proprio dalla consigliera comunale ex M5s Giulia Argiroffi: «Ho letto che l’assessore Catania ritiene che sia maturo il tempo per allargare la maggioranza in Consiglio ed al Governo della città. La prima cosa che mi sono chiesta è di quale governo parla visto che in questa città non c’è alcun governo. Alcuni consiglieri l’hanno pure ringraziato. Io credo che non ci sia proprio nulla di cui dovere ringraziare l’assessore». E poi conclude: «Ma si è chiesto quale persona di buonsenso potrebbe pensare di condividere con lui ed il sindaco il disastro di questa amministrazione? Non abbiamo proprio nulla in comune e non voglio averne».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews