Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Qual è il motivo per cui Maresco ha disertato Venezia?
All'origine possibili screzi con la famiglia Mattarella

L'assenza di ieri del regista ha alimentato le voci secondo cui i congiunti del presidente della Repubblica non avrebbero gradito alcune scene. Il creatore della Cinico Tv già in passato aveva criticato il capo dello Stato per il «silenzio sulla trattativa»

Andrea Turco

La sua assenza alla mostra del cinema di Venezia ha fatto rumore. Ancor di più perché il suo film, La mafia non è più quella di una volta, è stato molto apprezzato dalla critica. Ma la sorpresa è stata tale fino a un certo punto, visto che il carattere spigoloso di Franco Maresco tra gli addetti ai lavori non è certo un mistero. Il regista palermitano, tra l'altro, non è nuovo a clamorosi rifiuti nei confronti del festival lagunare: nel 2014, quando a Venezia era stato proiettato il precedente Belluscone, aveva scelto di non andare per «paura della folla».

Ma questa volta il motivo sarebbe ben più pregnante. Secondo molti addetti ai lavori che hanno assistito alla proiezione di ieri mattina, l'assenza di Maresco sarebbe da ricondurre alle scene in cui viene tirato in ballo il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Il regista infatti non avrebbe gradito l'assenza di una sua presa di posizione dopo la sentenza del tribunale di Palermo che ad aprile 2018 ha accertato, in primo grado, l'esistenza di una trattativa tra Stato e mafia. Un silenzio, quello di Mattarella, che lo stesso Maresco aveva già sottolineato in un'intervista a MeridioNews.

Una critica che il regista ha inserito pure nel film, col protagonista Ciccio Mira, organizzatore di concerti neomelodici che, dopo aver organizzato uno spettacolo allo Zen dedicato a Falcone e Borsellino (iniziativa mal vista nel quartiere), si spinge a spiegare l'atteggiamento del presidente della Repubblica con la sibillina frase «i palermitani non parlano». Pare, tra l'altro, che il film sia stato sottoposto dalla produzione - e col consenso di Maresco - prima alla famiglia Mattarella. Che non avrebbe gradito affatto il riferimento di Mira al padre che votava Bernardo Mattarella (il padre del presidente della Repubblica) e la suggestione del regista alla precedente omertà degli abitanti dello Zen, i quali nelle riprese di Maresco rifiutano di dichiarare eroi i giudici Falcone e Borsellino.

E ciò nonostante, sempre secondo fonti ben informate, lo stesso Maresco avesse scelto di alleggerire la scena, per venire incontro ai dubbi della famiglia Mattarella, pur volendo mantenere la critica al presidente. In Laguna, poi, la sensazione è che i produttori e distributori del film abbiano scelto di difendere solo in parte il regista. Che per questo motivo avrebbe preferito non presentarsi all'improvviso all'incontro coi giornalisti. La diserzione di Maresco rischia dunque di far passare in secondo piano la netta critica al mondo dell'antimafia che il regista palermitano fa partire dal 25esimo anniversario della morte di Falcone, ovvero il 23 maggio 2017. A fare da guida in questo viaggio è la fotografa Letizia Battaglia (presente invece al Lido), al cui ottimismo fa da contraltare il cinico e cronico pessimismo di Maresco. Sentimento che, dopo questo film e le possibili ulteriori reazioni dell'antimafia palermitana, potrebbe ulteriormente acuirsi.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews