Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

OpenArms, ricorso al tribunale 
«Fate sbarcare i 32 minorenni»

Da sei giorni bloccata a 30 miglia da Lampedusa la ong lancia la sfida a Salvini: «Se avremo problemi entreremo in acque italiane» ma il ministro dell'Interno ribadisce la linea dura, forte dell'approvazione del decreto sicurezza bis

Redazione

Foto di: Open Arms

Foto di: Open Arms

Bloccata da sei giorni a 30 miglia da Lampedusa, Open Arms lancia la sfida a Matteo Salvini e subito dopo annuncia un ricorso al tribunale dei minori di Palermo affinché intervenga disponendo lo sbarco dei 32 minorenni. Dalla nave dicono che se la situazione a bordo dovesse peggiorare e ci fossero «problemi seri» per i 121 migranti, «entreremo nelle acque italiane»

A stretto giro di posta, è arrivata la risposta dal ministro dell'Interno Matteo Salvini. «Si ricordino che per loro le acque territoriali sono chiuse e siamo pronti a sequestrare la nave». La situazione a bordo è complicata, riferisce in un'intervista a Catalunya Radio il fondatore della ong catalana Oscar Camps: «Ci sono casi che necessitano di assistenza medica quotidiana e altri che hanno bisogno di assistenza psicologica costante per quel che hanno subito in Libia». E poi aggiunge la comandante della nave, Anabel Montes Mier: «Tra poco finiremo cibo e bevande e siamo preoccupati per lo stato psicologico di chi è a bordo, che peggiora di giorno in giorno a causa dell'incertezza di non sapere cosa accadrà loro. Stiamo resistendo, ma più tardi arriva una risposta e più la situazione peggiorerà». 

Dalla ong parte anche un'altra mossa: un ricorso al tribunale e alla procura dei minori di Palermo affinché dispongano lo sbarco dei minorenni e nominino dei tutori per quelli non accompagnati. «Faremo di tutto affinché le convenzioni internazionali, le normative, gli obblighi ed evidentemente anche i diritti di queste persone, vengano rispettati» dice il presidente Riccardo Gatti denunciando la «prepotenza e l'abuso istituzionalizzato» da parte dell'Italia e di Malta. 

>Al momento, però,  Open Arms resta in mezzo al mare. Malta ha ribadito il suo no e l'unico segnale inviato dall'Italia alla nave è stato, nei giorni scorsi, la notifica del divieto di ingresso firmato dal ministro dell'Interno Matteo Salvini, dal ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli e dalla ministra della Difesa Elisabetta  Trenta. Il leader del Carroccio poi ribadisce la linea dura, forte dell'approvazione del decreto sicurezza bis che prevede fino a un milione di euro di multa e il sequestro immediato delle navi che violano i divieti.

Come e quando si sbloccherà la situazione non è ancora chiaro. Anche perché non è neanche scontato che possa approdare in Spagna, nonostante la disponibilità data dai sindaci di Valencia e di Barcellona. La macchina dell'accoglienza spagnola è già sotto pressione visto che, nell'ultimo anno, gli sbarchi sono stati più di quanti siano stati gli arrivi in Italia e a Malta. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×