Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Vigilanza privata, il sit-in davanti alla prefettura
Uiltucs: «Rinnovo contratto atteso da tre anni»

I lavoratori che incroceranno le braccia in tutto il territorio regionale si sono dati appuntamento questa mattina con un sit-in a Palermo, dalle 9 alle 13. Ad alzare il livello dello scontro negli ultimi mesi, le condizioni di lavoro «precarie e senza garanzie»

Antonio Mercurio

Scatta oggi in Sicilia lo sciopero della vigilanza privata. Possibili disagi agli sportelli bancomat ma a risentirne potrebbero essere anche i pensionati poiché, proprio nei primi giorni del mese, vengono erogati i pagamenti. La manifestazione, promossa dai sindacati regionali Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, guidati da Monja Caiolo, Mimma Calabrò e Marianna Flauto, interesserà l’intero turno lavorativo nelle giornate di oggi e domani, e coinvolgerà i lavoratori impiegati nei servizi pubblici essenziali. Saranno esclusi soltanto i dipendenti delle imprese di vigilanza e controllo che operano negli aeroporti.

La protesta ha origini lontane: dal 2015, infatti, si attende ancora il rinnovo del contratto che solo a Palermo interessa oltre cinquemila addetti del settore, numero che raddoppia nell’Isola (diecimila). I lavoratori che incroceranno le braccia in tutto il territorio regionale si sono dati appuntamento questa mattina con un sit-in davanti ai locali della prefettura di Palermo, dalle 9 alle 13. Ad alzare il livello dello scontro negli ultimi mesi, le condizioni di lavoro estremamente «precarie e senza garanzie» senza alcuna speranza di miglioramento.

«Rinnovare un contratto - afferma Marianna Flauto - non vuol dire necessariamente peggiorare le condizioni e le tutele degli addetti al settore della sicurezza, che già vivono una condizione lavorativa difficile e molto rischiosa». Le organizzazioni dei lavoratori, infatti, denunciano da tempo condizioni di lavoro insostenibili, con la richiesta da parte dei datori di lavoro di orari super flessibili e di avere mano libera sui contratti a tempo determinato e altre garanzie essenziali previsti dal precedente accordo sottoscritto.

«I lavoratori sono senza contratto, senza incremento salariale e le parti datoriali continuano a formulare proposte che non possono esser accettate - ribadisce Flauto -. Una su tutte la proposta che introdurrebbe la cancellazione dei primi tre giorni di malattia proprio in un settore dove i lavoratori sono a rischio, con servizi all'aperto e in orari notturni in qualsiasi periodo dell’anno. Inoltre, prevedono un’estrema liberalizzazione dei contratti a tempo determinato e del part time, proposte che non possiamo accettare. Abbiamo fatto già due scioperi a livello nazionale, ma le posizioni rimangono rigide, ed è per questo che stiamo protestando».

L’obiettivo è sollecitare un intervento delle istituzioni con un tavolo specifico al ministero. «Abbiamo chiesto un tavolo perché il problema della sicurezza riguarda il Paese - prosegue - purtroppo registriamo la totale assenza delle istituzioni, anche sul tema del mancato rispetto della clausola sociale nei cambi di appalto pubblici, spesso aggiudicati al massimo ribasso. Su questo abbiamo sensibilizzato le istituzioni e siamo in attesa di un incontro che possa aprire un tavolo di confronto per mettere un punto sulle regole e sull'applicazione delle stesse» conclude.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews