Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Pedonalizzazioni in centro, rinvio di qualche giorno
Catania: «Sarà l'ultima sperimentazione, poi delibera»

A Sala delle Lapidi l'assessore alla Mobilità ha illustrato il provvedimento che estende ancora di più le strade vietate alle auto: «In via Roma il traffico si è già ridotto con la ztl». Dubbi da parte delle opposizioni: «Non convocate le associazioni di categoria»

Andrea Turco

Bisognerà attendere qualche altro giorno, rispetto agli annunci fatti dal Comune, per camminare a piedi in buona parte del centro storico. E l'avvio del provvedimento voluto dalla giunta Orlando avverrà in fasi diverse. Dal 2 agosto (invece dell'1 agosto come dichiarato in precedenza) partirà la pedonalizzazione del Cassaro basso - ovvero la parte di via Vittorio Emanuele che dai Quattro Canti arriva a Piazza Marina. Mentre non c'è ancora una data precisa per l'altra pedonalizzazione, ovvero quella di via Maqueda nel lato che va dai Quattro Canti a Porta Vicari, e per il doppio senso di marcia in via Roma: per queste due arterie, infatti, sarà necessario il posizionamento della segnaletica.

Questione di giorni, in ogni caso, per una sperimentazione che ieri è stata illustrata al consiglio comunale dall'assessore alla Mobilità Giusto Catania dopo le polemiche delle scorse sedute a Sala delle Lapidi, in cui il consiglio ha rivendicato più volte le proprie prerogative sui temi appunto del traffico, delle pedonalizzazioni e più in generale della mobilità cittadina. «Siamo fortemente impegnati nell'attuazione del programma che aveva tra i punti proprio l'estensione delle pedonalizzazioni - ha spiegato Catania - in funzione di un miglioramento della qualità dell'aria e della mobilità complessiva della città. Sappiamo che i percorsi attuati meritano approfondimenti e dibattiti. All'inizio su questi c'è stato in passato un riscontro negativo, salvo poi scoprire che gli oppositori iniziali sono poi diventati i più strenui difensori delle misure della giunta. Serve una fase di sperimentazione. Noi comunque non partiamo dal nulla, nel senso che in questi mesi questa attività è stata fatta per alcuni giorni, penso soprattutto ai festivi. Dagli studi che abbiamo fatto l'impatto del provvedimento ci tranquillizza, anche perché con la Ztl il traffico di auto si è già ridotto in via Roma. Con un discreto margine di sicurezza, possiamo già dire che non ci sarà un impatto negativo col doppio senso di circolazione».

L'assessore ha poi ribadito che quella in esame «deve essere l'ultima sperimentazione, sarà il consiglio poi a dover sciogliere alcuni nodi strategici. La proposta complessiva che faremo al consiglio verrà fatta prima del 12 gennaio, data in cui scadrà la sperimentazione, che deve essere testata in periodi diversi. Si comincia non a caso d'estate, che è il periodo dell'anno con meno auto, e si termina col momento più difficile, ovvero con le festività natalizie. E - ha aggiunto - ci tengo a ribadire che il nostro provvedimento è in collegamento col piano urbano di mobilità sostenibile, attualmente in fase di scrittura nei nostri uffici».

Le opposizioni però hanno manifestato la propria contrarietà. Non tanto sul merito del provvedimento, quanto piuttosto sullo scarso coinvolgimento da parte della giunta. Il consigliere comunale Ottavio Zacco (Sicilia Futura), ad esempio, ha fatto notare come sia «mancata la convocazione delle associazioni di categoria. Inoltre - ha aggiunto - sono preoccupato per alcune criticità. Per esempio via Calderai è inserita come asse di collegamento col mercato di Ballarò, ma a sua volta è sede di mercato (dei lattarini, ndr)». Mentre il collega Mimmo Russo (Fratelli d'Italia) ha ricordato che su parte di via Roma «sono tanti i cantieri, e ciò renderà difficile il doppio senso di marcia, considerando pure che rischia di non esserci già spazio per le corsie di emergenza».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews