Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

M5s, espulsi Ugo Forello e Giulia Argiroffi
La decisione del probiviri dopo le polemiche

Un colpo netto che mette fine a una guerra interna in seno al Movimento che va avanti dallo scorso autunno, quando l'organo di garanzia dei grillini ha avviato le indagini. L'ex candidato sindaco: «Mi si contesta reato d'opinione»

Gabriele Ruggieri

Foto di: Gaspare Ingargiola

Foto di: Gaspare Ingargiola

«Quello che mi si contesta è un reato d'opinione». Parole di fuoco quelle dell'ormai ex consigliere del Movimento cinque stelle Ugo Forello, candidato a sindaco per la compagine grillina alle ultime elezioni comunali, espulso formalmente dal partito per decisione dei probiviri. Stessa sorte toccata a Giulia Argiroffi, finita insieme a Forello, finita sotto la lente dell'organo di garanzia interno al movimento di Beppe Grillo che aveva ricevuto una segnalazione a carico dei due lo scorso autunno. 

Ai due, che hanno già manifestato intenzione di approdare tra le fila del gruppo misto, è costata l'espulsione l'accusa di «non collaborare col gruppo». Anche se tante sono state le tensioni e le schermaglie reciproche tra i cinque consiglieri, tanto tra i banchi di sala delle Lapidi quanto sui social, a partire dalla polemica di Forello sul suo dovere cedere il ruolo di capogruppo al collega Antonino Randazzo, come previsto dagli schemi di turnazione interni al M5s. Vicenda che si concluse con il passo indietro dello stesso Randazzo. Posto di capogruppo che sarebbe andato alcuni mesi dopo a Concetta Amella, non senza qualche risentimento. 

Forello e Argiroffi si erano comunque rifiutati di lasciare spontaneamente la compagine grillina. Giulia Argiroffi è stata la prima a ricevere la comunicazione, a seguire Forello, che aveva comunque già annunciato il passaggio al misto subito dopo avere appreso dell'espulsione della collega. «Nel Movimento evidentemente non si può esprimere il dissenso», commenta Forello, da tempo inviso all'area più vicina al governo gialloverde all'interno del M5s per le sue frequenti prese di posizione critiche nei confronti della Lega e di certe decisioni adottate dal governo su spinta salviniana. L'avvocato è infatti accusato, tra l'altro, di «aver tenuto comportamenti e fatto dichiarazioni contrarie agli obblighi assunti, dichiarandosi pubblicamente indipendente dai lavori del resto del gruppo consiliare di appartenenza e più in generale anche verso altri esponenti nazionali del Movimento 5 Stelle, determinando, in tal modo, il rischio di conflitti e frizioni in danno dell'immagine, dell'azione politica e del programma del Movimento».

Ovviamente a cascata non si sono fatte attendere le reazioni delle altre anime di sala delle Lapidi. «Il Movimento 5 stelle non tollera la democrazia, la libertà di pensiero o di opinione - dice il capogruppo Pd Dario Chinnici - a Giulia Argiroffi e Ugo Forello, consiglieri comunali eletti nel M5S e passati al gruppo misto, va la nostra piena solidarietà. Due consiglieri capaci e appassionati che in questi anni si sono spesi per Palermo, seppur da posizioni di opposizione, e che non meritavano un simile trattamento ma che hanno dovuto scoprire, a proprie spese, il lato oscuro di un Movimento nato sulle ceneri del populismo e che sta portando il Paese allo sfascio». Gli fa praticamente eco Toni Sala, capogruppo di Palermo 2022, che dice: «Sono sicuro che i colleghi Forello e Argiroffi continueranno a offrire il loro contributo al consiglio comunale e alla città così come hanno fatto sinora, senza che le beghe interne al loro ex Movimento li distolgano dal loro impegno».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews