Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

In via D'Amelio la rabbia e il dolore dei familiari
Agostino: «Da 30 anni solo contro Stato deviato»

Un urlo straziante quello di genitori e parenti delle vittime di mafia che si trovano ancora una volta a chiedere verità per i loro cari. Passi avanti sono stati fatti, uno importante è la desecretazione di alcuni verbali della commissione Antimafia, ma la strada sembra ancora troppo lunga

Antonio Mercurio

«Ancora ci sono uomini deviati dentro lo Stato e noi non li vogliamo. Vogliamo persone che camminino a testa alta e schiena dritta: nessun corrotto dentro lo Stato perché lo Stato siamo noi». È l’accorato appello di Vincenzo, il padre del poliziotto Nino Agostino ucciso in un agguato mafioso il 5 agosto del 1989 assieme alla moglie Ida Castelluccio a Villagrazia di Carini. Un episodio su cui non si è fatta mai piena luce nonostante gli appelli inascoltati del padre che ha sempre ipotizzato il coinvolgimento di pezzi deviati delle istituzioni. «Da 30 anni combatto con uomini deviati dentro lo Stato», ha ribadito dal palco allestito in via D’Amelio, a Palermo, in occasione del 27esimo anniversario dell’eccidio in cui persero la vita il giudice Paolo Borsellino e gli agenti della sua scorta, in un momento dedicato alle testimonianze dei familiari delle vittime delle stragi.

Ad assistere all’incontro, anche il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede e Nicola Morra, il presidente della commissione parlamentare Antimafia. «Ricordo ancora le parole di Falcone che nella camera ardente mi disse "io devo la vita a queste due bare" - ha proseguito Vincenzo - eppure quella notte sono stato convocato alla squadra mobile dove mi hanno interrogato come se fossi l’assassino di mio figlio, minacciandomi di arrestarmi. Il 28 febbraio ho perso mia moglie - ha aggiunto - una donna che ha sempre chiesto verità e giustizia. E se non l’avrà non riposerà mai in pace». Poi è stata la volta di Angela Manca, la madre del medico Attilio, trovato morto a Viterbo l’11 febbraio del 2004 in circostanze ancora oscure. «Spero di non fare la fine di Augusta e di avere riconosciuta giustizia prima della mia morte», ha detto rievocando le parole che la mamma di Nino ha lasciato sulla propria tomba come testamento.

«Ancora non abbiamo ottenuto giustizia per un bambino di 11 anni barbaramente assassinato, e siamo stanchi di promesse non mantenute», è il lamento di Graziella, la mamma di Claudio Domino freddato il 7 ottobre del 1986 a 11 anni dalla mafia mentre giocava a pallone in strada, a San Lorenzo - da 32 anni non dormiamo, ci chiediamo perché proprio nostro figlio? Ho raccolto per strada un bambino ricoperto di sangue eppure ancora non ho avuto riconosciuto lo status di vittima di mafia. Mi appello a voi - ha aggiunto rivolgendosi ai rappresentanti delle istituzioni presenti - per chiedere la riapertura del suo caso». Il padre Antonio, infine, ha rivolto un ringraziamento alla commissione Antimafia nazionale per avere desecretato documenti con una operazione di verità e giustizia che «fino a oggi nessun altro governo ha avuto il coraggio di fare».

Ma dopo una fitta giornata di iniziative, dichiarazioni e testimonianze, alle 16.58 è il momento del silenzio in via D'Amelio, attorno all'albero della pace, l'ulivo giunto da Betlemme e piantato dalla famiglia, voluto soprattutto dalla mamma del giudice. Nell'ora della strage vengono scanditi i nomi di Paolo Borsellino, degli agenti Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Per un minuto tutto tace, le note del silenzio, le agende rosse verso il cielo, poi un applauso, lungo come un abbraccio, quasi una carezza alle vittime e alle loro famiglie, compresa Rita Borsellino, testimone instancabile, scomparsa lo scorso ferragosto. Infine, l'Inno d'Italia. 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews