Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Palermo, radiazione per l’ex patron Zamparini
Per il nuovo club iscrizione in D entro il 29 luglio

L’imprenditore friulano condannato a cinque anni di squalifica e preclusione a ricoprire qualunque ruolo dal Tribunale Federale Nazionale. Intanto si continua a lavorare per il nuovo Palermo: il presidente Gravina scrive a Orlando per informarlo su tempistiche e criteri di ammissione alla prossima serie D

Luca Di Noto

È arrivata quest’oggi la decisione del Tribunale Federale Nazionale su Maurizio Zamparini. L’organo di giustizia sportiva è tornato a esprimersi sulla posizione dell’ex patron del Palermo dopo che la Corte d’Appello aveva rimesso proprio al TFN qualsiasi decisione relativa all’imprenditore friulano, ex proprietario del club rosanero. Zamparini è stato punito con una squalifica di cinque anni e la preclusione a ricoprire qualunque ruolo in ambiti federali, in sostanza la radiazione. E la decisione è arrivata nel merito della vicenda che aveva portato i rosanero a essere condannati, proprio dal Tribunale Federale Nazionale, alla retrocessione in serie C. Pena poi ridotta, in Corte d’Appello, a venti punti di penalizzazione nello scorso campionato cadetto, cosa che di fatto aveva permesso ai rosa di mantenere la categoria, prima di tutta la vicenda relativa alla mancata iscrizione.

Sostanzialmente, la posizione di Zamparini era stata stralciata per un ricorso dei suoi legali che era stato inizialmente accolto per poi essere respinto (la Corte d’Appello rimandò tutto proprio al Tribunale Federale Nazionali). Gli avvocati dell’imprenditore friulano, infatti, contestavano un vizio di forma. Zamparini è stato condannato per l’operazione Mepal, società che deteneva il marchio del club, e l'iscrizione nello stato patrimoniale di 5,5 milioni di crediti di imposta anche perché secondo l’accusa il suo obiettivo era quello di sottrarsi agli obblighi di ricapitalizzazione. L’ex patron rosanero è stato ritenuto colpevole e «vero ideatore degli artifizi contestati».

Intanto si continua a lavorare per il Palermo del futuro. Nella giornata odierna, infatti, il presidente della Figc, Gabriele Gravina, ha inviato al sindaco Leoluca Orlando quelle che saranno le tempistiche e i criteri da rispettare per l’iscrizione al prossimo campionato di serie D. Con l’avviso pubblicato dal primo cittadino che scadrà alle 20 del 23 luglio, bisognerà poi fare in fretta nell’individuazione della nuova proprietà. Anche perché quest’ultima dovrà provvedere a ottemperare agli obblighi entro le ore 15 del 29 luglio.

Questa la documentazione necessaria: la richiesta di ammissione al Campionato Interregionale (secondo l’art. 52, comma 10 della NOIF, con l’indicazione dei soci; istanza di affiliazione alla Figc; business-plan con requisiti organizzativi, patrimoniali e finanziari e un piano triennale delle attività; infine dichiarazione d’impegno a osservare tutte le prescrizioni per l’iscrizione al prossimo campionato. In caso di richiesta d’ammissione al Campionato Interregionale, il club dovrà depositare presso la Figc, un assegno circolare, non trasferibile, di un milione di euro. Tutta la documentazione, inoltre, dovrà essere accompagnata da una lettera motivata e firmata dal sindaco con l’accreditamento della società, con la quale l’amministrazione ne conferma progetto e serietà.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews