Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Caso Mered, dal Pagliarelli al Cpr di Caltanissetta
«Come stare in carcere, continua l'accanimento»

Dopo la lettura della sentenza, che sanciva l'errore di persona disponendo la scarcerazione immediata, il trasferimento in serata nella struttura nissena. Lunedì 15 luglio al tribunale civile si discuterà della convalida o meno del provvedimento di trattenimento

Silvia Buffa

Foto di: borderline sicilia

Foto di: borderline sicilia

«Non ci possiamo riposare nemmeno cinque minuti, continua l'accanimento nei suoi confronti». Ironia e amarezza si fondono nelle parole dell'avvocato Michele Calantropo che solo oggi, finalmente, ha potuto incontrare Medhanie Tesfamariam Behre e spigargli cosa sta succedendo. Il giovane eritreo, arrestato nel 2016 con l'accusa di essere il trafficante di uomini Medhanie Yehdego Mered, è rimasto in galera per tre anni. Fino a quando il giudice della seconda corte d'assise di Palermo ieri non ha decretato ufficialmente che lui è stato vittima di un errore di persona. Per anni è stata processata, insomma, la persona sbagliata. Immediata la scarcerazione, disposta dallo stesso giudice, che lo ha anche condannato a cinque anni per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, con pena già scontata vista la detenzione dal 2016.

E i cancelli del Pagliarelli, in effetti, nel pomeriggio tardo si sono aperti dopo la pronuncia della sentenza che finalmente lo rendeva libero. Ma non per restituirgli una parvenza di vita, ma per condurlo ammanettato e a bordo di una volante di polizia al Centro per il rimpatrio Pian del Lago, a Caltanissetta. Da una prigione a un altro prigione, insomma. «Il questore ha emesso un provvedimento di trattenimento in attesa di espulsione», spiega il legale, che ha potuto parlare con Behre solo oggi, dal momento che ieri gli è stato impedito per tutto il giorno. Lunedì 15 luglio al tribunale civile nisseno si discuterà della convalida o meno del provvedimento di trattenimento.

Le possibilità sono limitate: o si deciderà per l'espulsione, ipotesi però assai improbabile dal momento che il giovane non può fare ritorno nel paese natale, l'Eritrea, col quale non sussiste ad oggi alcun accordo di espulsione e nel quale sarebbe presumibilmente perseguitato come disertore. Né in Sudan, paese in cui tre anni fa è stato arrestato in un cafè di Khartoum, poiché di fatto lui non è un cittadino sudanese. In alternativa, potrebbe essere trattenuto al Cpr a tempo indeterminato. Lunedì sarà il giudice monocratico a decidere sulle sorti del giovane ex lattaio e falegname. Intanto Behre dovrà attendere nella struttura, senza possibilità di allontanarsi liberamente malgrado la sentenza emessa appena ieri, «è come stare in un altro carcere, ci sono anche le sbarre. Piaccia o non piaccia, posti come i Cpr sono proprio questo».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.