Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Flop rifiuti, nuove accuse tra vigili urbani e Rap
M5s: «Marchese riferisca in Consiglio comunale»

Mentre Orlando e Norata scelgono di esporre alla gogna mediatica chi sporca, l'ex comandante della polizia municipale si difende attaccando: «Sono stati seguiti gli autocompattori ed è stato accertato e verificato che alcuni cassonetti vengono lasciati pieni»

Redazione

Se non è un tutti contro tutti poco ci manca. L'ennesimo caos sui rifiuti, con la città nuovamente colma di immondizia nei giorni più caldi dell'anno, ha incrinato anche la presunta unità che fino a questo momento la giunta Orlando, la Rap, i vigili urbani e anche le opposizioni politiche (che si erano limitati alle critiche dando comunque ulteriore fiducia) avevano in un certo senso concordato in merito a iniziative come facciamounpatto. Ora invece tornano le accuse incrociate: polizia municipale contro Rap, M5s contro amministrazione. Sotto il segno degli esposti in procura.

A rinfocolare la polemica è l'ex capo della polizia municipale Gabriele Marchese, accantonato dal sindaco con l'accusa di aver effettuato pochi controlli sugli errati e illeciti conferimenti, che si è visto attaccare anche dai vertici della municipalizzata. «I controlli sul conferimento dei rifiuti spettano agli agenti di pulizia municipale, la raccolta e il mantenimento del decoro in città alla Rap - ha ribadito Marchese - I vigili urbani hanno fatto il loro dovere come dimostrano le tante indagini fatte, consiglio all'amministratore unico della Rap Giuseppe Norata di occuparsi di far funzionare l'azienda e garantire ai cittadini la pulizia che meritano». 

Dopo la mano tesa dell'amministrazione, adesso sindaco e amministratore Rap hanno scelto un cambio di strategia comunicativo. Additando, ed esponendoli alla gogna mediatica, i cittadini che continuano impunemente a riempire la città di rifiuti a qualsiasi orario e in qualsiasi luogo. Una scelta che però è stata contestata da parte della popolazione. «Aberrante mettere le foto di chi sbaglia sui social, soprattutto se a farlo è la massima istituzione cittadina - scrive ad esempio Giulia - Mi sembra di leggere un post di Salvini. Non ci si può abbassare a tanto. I controlli e le sanzioni possono serenamente continuare anche senza mettere alla gogna mediatica i colpevoli».

Intanto prosegue la difesa dell'ex capo della polizia municipale, in quella che allo stesso tempo è un j'accuse. «I miei uomini hanno controllato da sempre il corretto conferimento dei rifiuti - aggiunge Marchese - Non solo ma gli agenti della polizia municipale hanno controllato anche lo svolgimento del lavoro degli operai della Rap. Sono stati seguiti gli autocompattori ed è stato accertato e verificato che alcuni cassonetti vengono lasciati pieni. Forse perché così si formano le discariche che vengono ripulite con costi maggiori e in regime di straordinario? Sono tante le cose che abbiamo notato in questi mesi. I fondi per lo straordinario della Rap si trovano, ma per gli agenti della polizia municipale mai».

Se Marchese questa volta attacca Rap, il M5s ne approfitta per annunciare di essersi rivolto nuovamente agli organi giudiziari. «È inquietante e grave la denuncia dell’ex comandante della polizia Municipale di Palermo Gabriele Marchese sulla raccolta e sulla attuale emergenza rifiuti. - afferma il consigliere pentastellato Antonino Randazzo - Chiederò che venga convocato e ascoltato in consiglio comunale. Considerata la situazione ormai insostenibile, la città stracolma di rifiuti, i disservizi gravi e con essi rischi connessi alla salute pubblica proprio nella giornata di ieri intanto abbiamo presentato come Movimento 5 Stelle un esposto in Procura per disporre gli opportuni accertamenti».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.