Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

LassalaPeddiri contro la bocciatura dell'ordinanza plastic free
«Continueremo a supportare i sindaci, a sostegno del mare»

Dopo la decisione del tribunale amministrativo regionale sono tanti i Comuni che temono nuovi ricorsi. «Non sappiamo ancora come reagire» ammette il primo cittadino di Santa Flavia. Mentre la rete siciliana di attivisti non demorde: «Stiamo studiando nuove strategie»

Andrea Turco

«È vero che il problema è la dispersione di rifiuti plastici nell’ambiente. Ma i più grandi dispersori sono proprio loro: le aziende della filiera della plastica non durevole e di quella che degrada in microplastiche. Se il mondo è sommerso dalla plastica inutile e dannosa è perché il sistema produttivo ha incorporato il principio letale del monouso». Non si è fatta attendere la replica della rete siciliana LassalaPeddiri, che da qualche mese si batte per l'abolizione della plastica inutile e dannosa nell'Isola, dopo la recente decisione del Tar che ha bocciato le ordinanze plastic free dei Comuni di Trapani e Santa Flavia. Una risposta che giunge dopo l'osservazione posta da Angelo Bonsignori, direttore generale della Federazione Gomma Plastica, che per spiegare le ragioni del ricorso (poi vinto) aveva affermato che «alla base della dispersione dei rifiuti nell'ambiente ci sono i cattivi comportamenti e sono quelli che vanno demonizzati».

Quel che è certo è che la scelta del tribunale amministrativo regionale può creare un precedente: sono tanti infatti i primi cittadini che hanno da poco adottato un modello simile di ordinanza, e che adesso temono simili ricorsi da parte di altri privati e simili esiti; così come sono altrettanti coloro che al momento preferiscono attendere invece di emanare nuove ordinanze plastic free. Nel palermitano, poi, l'esito negativo per Santa Flavia potrebbe estendersi anche a Comuni di simili dimensioni come Carini (che nei piani dovrebbe vietare la plastica a partire dal 15 ottobre), mentre Palermo ha già annunciato che non farà un passo indietro e sembra che rimarrà coerente in questo senso anche l'isola di Ustica. «Continuiamo a restare a fianco dei sindaci - dice una referente di Lassala Peddiri - E stiamo studiando nuove strategie per superare questa fase». Considerando anche che le ordinanze comunali in questione hanno cercato esclusivamente di rifarsi alla direttiva UE che mette al bando la plastica monouso dal 2021.

Un riferimento che però a quanto pare non è bastato. «A noi hanno contestato l'ordinanza che avevamo adottato a febbraio - dice il sindaco di Santa Flavia, Salvatore Sanfilippo - perché, secondo i giudici, non c'erano i requisiti dell'eccezionalità e dell'imprevedibilità, tali da poter giustificare un divieto esteso su tutto il territorio. E sia perché non avevamo previsto un limite temporale di efficacia, così che le aziende che lavorano soprattutto nella nostra parte balneare si sono sentite danneggiate. Ora non sappiamo ancora come reagire».

La campagna di LassalaPeddiri, però, non demorde. E va avanti citando un noto aforisma di Gandhi: prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono, poi vinci. «Col sorriso, ma anche con l’energia, l’impegno e la dedizione di moltissimi cuori palpitanti di ragazze, ragazzi, professionisti, operai, amministratori, siciliani, ci siamo messi in testa di liberare l’isola dalla plastica inutile e dannosa - dicono gli attivisti - Perciò, accanto alla sensibilizzazione e alla promozione di azioni di cura dei luoghi, l’obiettivo fondamentale di LassalaPeddiri è l’introduzione di norme specifiche che, anche a partire dai comuni e attraverso la sinergia con le loro amministrazioni, eliminino la plastica inutile e dannosa dal territorio isolano. Gli eventi climatici catastrofici cui assistiamo giorno dopo giorno, la plastica che mangiamo nel pescato che compriamo, le moltissime malattie legate alla contaminazione e all’inquinamento ci dicono che l’unica scelta è fra la vita, la gioia e la bellezza del nostro pianeta e la morte, il veleno, il grigio del profitto a tutti costi. Tra la plastica e l’azzurro del mare. Noi abbiamo scelto il mare».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.