Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Rifiuti, nella notte oltre dieci roghi di cassonetti
La Rap: «Ancora tremila tonnellate per le strade»

Solo stanotte una decina gli incendi spenti dai vigili del fuoco, soprattutto in periferia. Per l'amministratore unico ci vorranno ancora dei giorni prima che la situazione torni alla normalità, mentre la sesta vasca è ormai satura: «Pochi giorni alla saturazione»

Antonio Mercurio

Strade invase dalla spazzatura e una ventina di roghi per le vie della città: è allarme soprattutto in periferia. Per i palermitani, infatti, è stato un fine settimana di passione quello appena trascorso, all’insegna dei cassonetti dati alle fiamme, mentre ancora si lavora per liberare le strade ingolfate dall’immondizia. Secondo la Rap, sono ancora oltre tremila le tonnellate di sacchetti e oggetti ingombranti accatastati da spalare, dopo l’emergenza esplosa la settimana scorsa quando i rifiuti abbandonati ammontavano a circa 9-10 mila tonnellate.

Dal comando dei vigili del fuoco fanno sapere, intanto, che tra la notte del sabato e quella di domenica sono stati eseguiti una ventina gli interventi, ed è la periferia ancora una volta a pagare il prezzo più alto. Le zone più colpite sono sempre le stesse: via Altofonte, via Leonardo da vinci, via Messina Marine, passaggio Nicola Barbato (Sperone), viale Giuseppe di Vittorio, via Messina Marine, via Leonardo da Vinci, via Galletti, e via Sperone.

Per l’amministratore unico della partecipata di Piazzetta Cairoli, Giuseppe Norata, in queste ore si lavora con il massimo impegno per fronteggiare l’emergenza ma servono ulteriori risorse e mezzi: «Abbiamo recuperato parecchio, rimango circa 2-3 mila tonnellate di rifiuti che stiamo recuperando con l’impiego di pale meccaniche. Speriamo entro la settimana di tornare alla normalità ma temo che resterà qualche piccolo strascico ancora per qualche altro giorno». 

Una nota positiva il ritorno in piena efficienza del Tmb, dopo il rallentamento causato dall'incendio all'impianto: venerdì è stata ripristinata la seconda linea anche se bisogna recuperare il pregresso. «Questo ha comportato ritardi nella raccolta del porta a porta - sottolinea Norata - con il risultato che molti hanno gettato il differenziato nell’indifferenziato, e gli effetti sono sotto gli occhi di tutti. Mi auguro che in questi giorni di crisi i cittadini rispettino scrupolosamente gli orari previsti per il conferimento».

E sotto questo profilo, la task-force anti-sporcaccioni voluta dal sindaco sembra non aver sortito gli effetti sperati: «Mercoledì è previsto una riunione con i vigili per fare il punto. Non ho ancora i dati aggiornati, ma speravamo effettivamente in risultati migliori perché l’abbandono indiscriminato di rifiuti indica che la gente non si sente controllata». Sullo sfondo, però, rimangono gli interrogativi legati alla settima vasca: «Stiamo lavorando con i nostri tecnici per agevolare l’iter del progetto esecutivo: il bando dovrebbe essere messo a gara entro fine mese». 

Come già anticipato e concordato con la Regione, si agirà su due fronti: una parte della spazzatura sarà abbancata in un’area di stoccaggio temporanea all’interno di Bellolampo, mentre una parte trasferita in discariche private. Rimane da sciogliere, però, il nodo delle risorse: chi pagherà? La Rap non può certo sostenere questi costi, mentre la Regione non si è ancora espressa. Di certo c’è che con la sesta ormai agli sgoccioli, il futuro appare poco roseo: «Mancano pochi giorni alla saturazione - ammette Norata - aspettiamo solo la certificazione dagli uffici». 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.