Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Madre Terra, nelle Madonie rinascono i grani antichi
«Il gusto di far riscoprire il sapore della tradizione»

L'idea si deve a Giuseppe Dondarrà che cinque anni fa ha costituito a Gangi una cooperativa convertendo i 60 ettari dell'azienda di famiglia per coltivare qualità antiche siciliane dure: «L'obiettivo è chiudere la filiera producendo pane e pasta»

Antonio Mercurio

Solo semi antichi macinati in maniera tradizionale senza l’aggiunta di sostanze chimiche. Potrebbe essere questa la ricetta per spezzare il meccanismo che fa lievitare, anche di dieci volte, il prezzo dal grano al pane con un prodotto a volte scadente. Una speculazione legata soprattutto alle importazioni selvagge di pagnotte e panini spacciati come italiani, all'insaputa dei consumatori e con prodotti di bassa qualità, come ha denunciato oggi la Coldiretti, in occasione della Giornata nazionale del Grano italiano. Una rivoluzione per riscoprire prodotti genuini, con farine antiche certificate e produzioni naturali. Esattamente come accade a Gangi, nel cuore delle Madonie, grazie all’intraprendenza di Giuseppe Dondarrà, un giovane agricoltore di 45 anni decisamente fuori dal coro. 

Cinque anni fa, infatti, ha costituito la cooperativa biologica Madre Terra - convertendo i 60 ettari dell'azienda di famiglia oggi divisi tra pascolo e campi destinati alla produzione di 500 tonnellate di grano all'anno - per coltivare qualità antiche siciliane dure come il Nero delle Madonie, (per il quale è stato depositato il brevetto), il Senatore Cappelli, la Tumminia, o tenere come la Maiorca. I semi raccolti vengono poi moliti a pietra per preservare tutte le proprietà organolettiche. Una viaggio alla riscoperta delle nostre origini in barba a una concorrenza spesso feroce, come spiega bene Giuseppe produttore Coldiretti: «Il grano normale viene venduto a circa 20 centesimi, il biologico a 10 centesimi in più mentre le qualità antiche hanno prezzi elevati: dai 60-70 centesimi a un euro». Nell’Isola si coltivano 52 varietà di semi, ma non sempre il pane venduto corrisponde a ciò che viene promesso.

«Molti panificatori - prosegue - usano solo una piccola parte di questi farine, dal 10 al 30 per cento, per poi spacciare il pane come prodotto interamente con grani antichi. Così finiscono per avere mercato di nicchia e gli agricoltori hanno molte difficoltà a produrlo e venderlo, e ciò si riflette anche sul prodotto da forno». A meno che non decidano, coraggiosamente, di chiudere la filiera proprio come ha deciso Dongarrà. «Ho comprato un mulino di pietra e un piccolo forno - afferma orgoglioso - e a settembre saremo pronti per lanciare la produzione interamente curata da noi». Una scelta al termine di vari numerosi tentativi costellati spesso di fallimenti: «Ho provato ad affidarmi ad altri e in tre anni ho cambiato 16 forni ma alcuni miscelavano l’impasto, altri non erano in grado di farlo. Così ho deciso di fare da solo».

Dal grano della cooperativa si produce già pasta con il marchio Trinacria assieme al Pane Nero delle Madonie, anche questo un marchio registrato. «Spesso si abusa di questa parola e le persone lo ignorano, ma molti problemi derivano da una cattiva alimentazione - sottolinea - Fortunatamente la mentalità sta cambiando. In molti si informano e cercano prodotti genuini. Una farina da evitare è quella doppio zero, troppo raffinata: al 90 per cento si ricava da grani canadesi: può costare anche solo 8 centesimi perché a volte contiene tracce di glifosato», una diserbante al centro di un aspro dibattito in campo medico, bandito da alcuni Paesi perché ritenuto nocivo per la salute.

«Da noi tutto i prodotti sono naturali, persino il lievito è quello madre o screscente», prosegue Giuseppe che non solo vuole produrre prodotti sani ma anche diffondere il più possibile questo sapere. Assieme al primo Percorso sensoriale e didattico tra grani antichi e ambienti incontaminati inaugurato due anni fa, ha lanciato anche un gruppo Facebook per permettere a chiunque di condividere le proprie esperienze e ampliare conoscenze in questo campo: «Ogni persona può unirsi liberamente e chiedere consigli sulle farine e le ricette migliori da utilizzare - conclude -, l'unico requisito richiesto è l'uso di grani antichi, biologici e moliti a pietra».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.