Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

È palermitano il campione nazionale di paraciclismo
Dario Bartolotta: «Niente è impossibile, basta volerlo»

A Bassano del Grappa l'atleta palermitano si è aggiudicato la medaglia d'oro. Ad appena un anno e mezzo dall'ingresso nella disciplina. Figlio di uomo della scorta del giudice Rocco Chinnici, è al padre che dedica la vittoria. «Quando sento l'inno di Mameli le lacrime scendono da sole»

Andrea Turco

«Salvatore mi ha salvato e Vittoria mi ha dato la vittoria». Gioca coi nomi, Dario Bartolotta, neocampione italiano di handcycling. A Bassano del Grappa il 23 giugno l'atleta palermitano ha conseguito la medaglia d'oro. E il suo primo pensiero è per il padre, Salvatore - carabiniere morto nell'attentato al giudice Rocco Chinnici il 29 luglio del 1983 - e per la figlia Vittoria. «Dedico a loro la vittoria, e ovviamente a mia moglie che è stata la prima ad abbracciarmi. Con l'amore si raggiungono grandi obiettivi. L'impossibile non esiste, l'importante è volerlo». Al suo arrivo ieri in aeroporto il neocampione è stato accolto da una quarantina di persone, tra fuochi d'artificio e bandiere italiane.

Una storia davvero emblematica, quella dell'atleta palermitano. Dario ha perso l'uso delle gambe nel 2012, dopo un terribile incidente con lo scooter. Ma non si è mai fermato, complice una strabordante voglia di vivere. Dopo aver stabilito il record mondiale per i 12 chilometri alla Strapalermo, grazie al suo esoscheletro personale, a novembre 2017 ha cominciato ad affrontare l'handbike. Per diventare campione italiano della disciplina ad appena un mezzo e distanza. «Pratico l'handbike perché racchiude tutte le passioni che avevo quando ero normodotato, nella mia precedente vita - racconta Dario - A me piaceva correre, sia in go kart che in motocicletta, e poi facevo palestra. Quindi forza muscolare, agilità, e velocità: tutte le caratteristiche che servono nell'handbike. Mi sono appassionato e ho cominciato per gioco. Ho visto poi che i risultati arrivavano, nel senso che intanto si accorciavano le distanze coi campioni italiani della disciplina. Se prima mi davano dieci minuti di distacco, poi sono scesi a otto e successivamente, alla maratona di Firenze del novembre 2017, sono arrivato a due minuti e mezzo dal campione d'Italia».

Per questo motivo Dario, che è rimasto uno spirito competitivo nonostante la disabilità, ha deciso di rivolgersi dei professionisti. Senza preparatore atletico, insomma, da solo difficilmente avrebbe potuto colmare quel gap. «Mi sono rivolto a uno specialista di Torino, che prepara atleti olimpionici e medaglie d'oro come Vittorio Podestà e Alex Zanardi - spiega - Dopo sei mesi di preparazione ho deciso di passare alla squadra di Podestà, per potere recuperare ancora qualche margine di miglioramento. E così è stato. Sono stati davvero fondamentali, tra informazioni essenziali e allenamenti ancora più specifici. Piccoli e grandi accortezze, insomma, che mi hanno consentito di vincere poi il titolo tricolore».

La lista dei ringraziamenti di Dario è lunga: «Grazie alla mia famiglia, alla società, ai miei accompagnatori. In un anno e otto mesi sono diventato campione italiano, il morale è alle stelle. In così poco tempo non mi aspettavo di raggiungere un risultato del genere». La gara con la quale si è poi aggiudicato la medaglia d'oro - con tanto di foto di rito insieme al celebre Alex Zanardi, l'ex campione di Formula 1 che negli anni è diventato simbolo di riscatto - è stata poi emozionante, con un finale a due in cui Dario è riuscito a infliggere sei secondi di distacco al suo avversario più diretto. «Per un anno la maglia tricolore resta in Sicilia - sorride ora l'atleta palermitano - Al momento mi godo la vittoria. Mi ritrovo spiazzato, nel senso che sono passato da sognatore ad aver realizzato un sogno. Adesso che ho vinto il tricolore, spero in una convocazione con la maglia azzurra. Sarei felicissimo per la mia famiglia, pensando soprattutto a mio padre».

Il papà di Dario, Salvatore Bartolotta, ha fatto parte della scorta del giudice istruttore Rocco Chinnici. E da appuntato dei carabinieri, è morto insieme al giudice il 29 luglio di 36 anni fa, a seguito dell'esplosione di un'autobomba. «Era un uomo dedito all'arma, uomo d'altri tempi che ha dato la vita per l'Italia - racconta Dario - Quando sento l'inno di Mameli le lacrime scendono da sole. Più in generale la mia famiglia è felicissima, mi hanno sempre spronato. Siamo scoppiati tutti in lacrime alla vittoria. Anche perché mi hanno visto impegnato per tanti mesi per raggiungere l'obiettivo: ho dovuto mantenere un certo peso e una certa forma muscolare, alternando fibre bianche e fibre rosse. Noi poi in famiglia siamo di buona forchetta, quindi il sacrificio è stato doppio».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews