Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Stato-mafia, legale Dell'Utri vuole citare Berlusconi
«Logica conseguenza se considerato persona offesa»

Redazione

L'avvocato Francesco Centonze, legale di Marcello Dell'Utri, condannato in primo grado a 12 anni nel processo sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia, ha chiesto la rinnovazione del dibattimento in appello e la citazione a deporre dell'ex premier Silvio Berlusconi. L'istanza, già indicata nell'atto di impugnazione, è stata reiterata all'udienza di oggi davanti alla corte d'assise di secondo grado. 

Berlusconi, che le motivazioni del primo verdetto dipingono come vittima della minaccia stragista rivolta da Cosa nostra allo Stato per il tramite di Dell'Utri, non è mai stato sentito in aula, né in fase d'indagine. Una circostanza che, secondo il legale, andrebbe sanata essendo l'esame di Berlusconi «una logica conseguenza dalla qualifica di persona offesa attribuita al medesimo nella sentenza impugnata in quanto destinatario finale della "pressione o dei tentativi di pressione" di Cosa nostra».

«La Corte - aveva spiegato l'avvocato nell'atto di appello per motivare la richiesta della citazione testimoniale -, con doti divinatorie, prima profetizza che Silvio Berlusconi se chiamato a deporre si sarebbe certamente avvalso della facoltà di non rispondere e, poi, deduce da questo dato futuribile e privo di qualsiasi aggancio nell'istruttoria la superfluità e comunque la non assoluta necessità della sua testimonianza. Si tratta evidentemente di argomentazioni prive di qualsiasi rilevanza rispetto ai presupposti di attivazione del potere-dovere del giudice di disporre un'integrazione probatoria - aveva proseguito - che, giova ribadirlo, ha lo scopo fondamentale di assicurare la "completezza dell'accertamento probatorio" ed "evitare che si pervenga a condanne ingiuste"».

(Fonte: Ansa) 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.