Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Strutture in emergenza, in mostra frame surreali di cronaca 
«Ho pensato a un bimbo solo su una barca in mezzo al mare» 

Otto le tele dell'artista palermitano Massimiliano Scuderi presenti all'ex Fonderia Oretea. L'esposizione promossa dal Collettivo Neuma, con il patrocinio del Comune di Palermo, si inaugura alle 17 di lunedì 24 giugno

Stefania Brusca

Una piccola barca bianca persa in mezzo al nulla. Un mare sconfinato, buio. Non si vede, ma su quella minuscola imbarcazione c'è un bambino che osserva sgomento ciò che rischia di inghiottirlo per sempre. Questo il punto di vista dal quale è partito Massimiliano Scuderi per realizzare il suo quadro Origami. Si tratta di uno degli otto che danno vita alla mostra Strutture in Emergenza, promossa dal Collettivo Neuma, con il patrocinio del Comune di Palermo, che si inaugura alle 17 di lunedì 24 giugno all’Ex Fonderia Oretea della Cala. Sarà presente l'assessore alle Culture Adham Darawsha. 

Si tratta della terza tappa dell'esposizione dopo quelle di Carini e Capaci. Plinti accatastati, parallelepipedi ondulati, navi, origami, fari, salvagenti, mari, scorci di terre e borghi. Elementi vividi che raccontano il dramma dei viaggi della speranza nel Mediterraneo, attraverso forme essenziali espresse grazie all'uso di geometrie asimmetriche e astratte, in un gioco di forme e colori che restituiscono la cifra stilistica dell'eclettico artista palermitano. «Ho iniziato a lavorare su queste tele un anno fa - racconta Scuderi -. Ho cominciato a immaginare come un bambino vivrebbe questa esperienza. Io avrei paura a stare di notte in un gommone alla Cala, figuriamoci cosa può provare un bimbo che attraversa il Mediterraneo». In altre due opere invece vengono rappresentate le navi Lifeline e Aquarius. Anche in questo caso il protagonista implicito è un bimbo. In una delle tele spuntano dei salvagenti dalle nuvole: «Ho cercato di immedesimarmi nel bambino che vede il colore di queste ciambelle arancioni che arrivano dall'alto, ancora non ha colore sociale, non ha fede politica o religiosa ma quelle due ciambelle sono la sua salvezza». 

In molte opere, la maggior parte quadrate, ricorre la figura del faro, una luce che cala dall'alto: «Rappresenta mio padre - dice l'artista - che è venuto a mancare due anni fa».Tra i lavori esposti c'è anche Esodi, definita da una rivista a tema antropologico dell'Istituto Euroarabo, Guernica di mare. L'articolo traccia i contorni di quella che ad oggi considera una guerra in mare. Le vittime di questo conflitto nelle tele di Scuderi sono solo apparentemente assenti, e proprio per questo emergono invece con maggiore forza. «Siamo davanti a delle tele dai forti contenuti ideologici - spiega Fabiola Di Maggio, curatrice della mostra, ma anche ideatrice e presidente del Collettivo Neuma – che si presentano quali frame surreali di cronaca contemporanea, come si evince agevolmente dalle rappresentazioni delle due navi Ong. Tuttavia, esse sono al contempo delle traiettorie di riflessione fantastica prive di ragguagli spazio-temporali, tanto arcaiche quanto futuribili, attraversanti la storia e tutte le storie di esodi, che la memoria umana non può e non deve dimenticare. Per riflettere sul passato, sul presente e sull’avvenire in una prospettiva che faccia incrociare e dialogare i tempi, i luoghi e le loro proiezioni».

Una luce che cala dall'alto quindi su passato e presente. E su quale futuro? « L'istruzione alla base di tutto - afferma Scuderi - La mente deve essere aperta alla conoscenza per non essere vandalizzata. Anche io sono un uomo sulla barchetta, e per me c'è anche il Paese. Al momento non vedo tante vie d'uscita. Grazie alla pittura riesco a dare sfogo a quello che vedo e che mi dà fastidio e per me è un punto di partenza». L'artista più che aspirare a considerazioni positive da parte dei critici, vuole raggiungere persone comuni: «Spero che le tele suscitino un'emozione in chi le guarda. Mi ha commosso ad esempio il riscontro avuto da Bartolo. Vorrei che lasciassero qualcosa. Credo, con alcune di queste, di esserci riuscito».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.