Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Simona Mafai e l'ultimo ricordo di Palermo a villa Niscemi
«Se la città non è più governata dalla mafia è grazie a lei»

La cerimonia funebre per la figura storica della sinistra palermitana, scomparsa ieri alla soglia dei 91 anni, è diventata l'occasione per raccontarne le passioni e l'infaticale apporto dato. «Continuavamo a rivolgerci a lei» dicono le compagne di Mezzocielo

Andrea Turco

Foto di: Antonio Melita

Foto di: Antonio Melita

«È triste vedersi solo in queste occasioni tristi». Nino Messina è l'ultimo togliattiano di Sicilia. E a 94 anni guarda con malinconia i vecchi compagni del Partito Comunista Italiano che sono seduti al suo fianco. Tutti però hanno rivolto lo sguardo verso la bara, dove c'è il corpo della compagna Simona Mafai, scomparsa ieri alla soglia dei 91 anni. Scrittrice, intellettuale, capogruppo al consiglio comunale e dirigente del Pci: questo e altro è stata Simona Mafai. E alla cerimonia funebre a villa Niscemi in tanti e tante vengono a renderle omaggio. A partire dal sindaco Leoluca Orlando, verso il quale Simona Mafai ha sempre mantenuto un approccio critico, se non di vera e propria battaglia politica, quando lei era capogruppo al consiglio comunale per il Pci e lui era un giovane delfino della Democrazia Cristiana (già sindaco). 

«In questo momento a me viene forte, e non riesco a sottrarmi a questa tentazione, il ricordo del decennio tra gli anni '80 e i '90 - dice il primo cittadino - Su posizioni opposte abbiamo portato a palazzo delle Aquile un'esperienza che avrebbe condotto, con la presenza in consiglio del nostro attuale presidente della Repubblica Sergio Mattarella, a quella rottura con il sistema paludoso e mafioso di questa città. Una rottura che in qualche misura si ebbe con un'intesa che si ruppe poco dopo. Ma se oggi possiamo dire che questa città non è più governata dalla mafia dobbiamo ringraziare Simona Mafai. Le sue battaglie in consiglio comunale contro di me e contro il partito che io indegnamente rappresentavo, insieme alla sua insistenza e alla sua radicalità, ci costrinsero ad aprire occhi e orecchie. La sua presenza critica è stata fondamentale».

Insieme ad Orlando poi c'è quasi tutta la giunta: da Giusto Catania a Giovanna Marano, da Fabio Giambrone ad Adham Darawsha fino all'ex assessore Emilio Arcuri. E poi il consigliere comunale Fausto Melluso, lo scrittore Roberto Alajmo, l'ex assessore regionale Antonello Cracolici, Umberto Santino e tanti altri. Soprattutto ci sono tante donne, a partire da Letizia Battaglia, cofondatrice della rivista culturale Mezzocielo - l'ultimo regalo di Simona Mafai alla città. Ed è da loro che viene il ricordo più affettuoso. «Continuavamo a rivolgerci a lei, come fosse un grande albero - dicono - Parlava della vecchiaia come di un inquilino scomodo col quale convivere, ma che non doveva permettersi di rovinarle l'allegria di vivere. Non doveva toglierle il sostegno agli altri. Quando è stata colpita dall'ictus, due giorni fa, era al pc come al solito. E si preparava ad andare, a nostra insaputa, a Castellammare».

Di libri e linguaggio, invece, parlano gli amati nipoti Ruggero e Nicola. Cominciando dai primi insegnamenti di lettura che una nonna così colta e appassionata può dare: I Buddenbrook, di Thomas Mann, e l'inusuale Cortazar (per una lettrice rigorosa come Simona Mafai). «Un linguaggio che con lei si è declinato in maniera differente nelle diverse fasi della vita - racconta Ruggero - Dolce e gioioso durante l'infanzia, alla quale sono legati i primi ricordi. Poi un libro scritto da lei, un racconto su un ragazzino vagabondo, che lei aveva incontrato in macchina. Crescendo il linguaggio si fece paziente e costante, insinuandosi nell'adolescenza mia e di Nick da maschiacci riottosi, spingendoci non senza qualche fatica a studiare il greco e il latino, cercando di fare sì che si costruisse in noi un rigore e una coerenza non basata su regole e costrizioni ma sul senso critico e sull'esercizio dello sviluppo di una propria volontà. Confronto e dialogo per lei erano importantissimi».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.