Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Caso Mered, le battute finali: oggi la requisitoria del pm
«Uomini trattati come merce». Chiesti 14 anni di carcere

Questa la richiesta del pm Calogero Ferrara, dopo una disamina conclusiva durata circa sei ore e che ha toccato i punti salienti delle indagini. Quelle che hanno portato all'arresto dell'imputato nel 2016 e al processo. «Abbiamo ascoltato conversazioni inequivocabili»

Silvia Buffa

Quattordici anni di detenzione e 50mila euro di multa per il Generale. Questa la pena chiesta dalla procura per l'uomo ritenuto il boss della tratta Medhanie Yehdego Mered. L'imputato, detenuto dal 2016 al Pagliarelli di Palermo, ha sempre dichiarato però di non essere il noto trafficante ricercato dalle autorità di mezza Europa, ma un falegname di nome Medhanie Tesfamariam Behre, vittima di uno scambio di persona. Proprio Medhanie, quel nome che i due hanno in comune, è quello che ricorre di più nella requisitoria del pm Calogero Ferrara. La sua è una delle schede più complesse, anticipa il magistrato, che arriva a lui dopo già quasi due ore di ricostruzione dei passaggi principali delle indagini sul tema della tratta di migranti. Un profilo raccontato attraverso tre filoni principali, partendo dalle risultanze delle investigazioni del 2014, svolte dalla procura di Palermo e di Roma, passando per le vicende relative al tracciamento e poi all'arresto in Sudan, fino all’identificazione e alle contestazioni dei fatti commessi. C'è spazio anche per una parentesi sulle risultanze difensive che ne contestano l’identificazione, argomento sul quale, in parte sembra a un certo punto essersi spostata la vicenda, almeno a livello mediatico. 

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×