Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Sprigioniamo i sapori, corsi di pasticceria al Pagliarelli 
Il maestro Cappello insegna i suoi segreti a 60 detenuti

Specialità siciliane che i laboratori non producono più in modo artigianale. L'arte millenaria siciliana si insinua tra le mura del carcere regalando profumi e saperi dimenticati a chi sta scontando la propria pena. Al termine dei corsi verranno assegnati 24 tirocini da 500 euro al mese per un anno

Stefania Brusca

Foto di: Silvia Buffa

Foto di: Silvia Buffa

Condividere un momento di gioia anche in un luogo in cui non sarebbe previsto, come un carcere. Il sapore di un dolce che non puoi mangiare, se non grazie alla gentilezza e all'attenzione di chi sceglie di trascorrere delle ore in un luogo invisibile ai più. Da qui, da un gesto compiuto dal maestro pasticcere Salvatore Cappello, è nato il progetto Sprigioniamo i sapori. Cappello confiderà i segreti della millenaria arte della pasticceria siciliana con 60 uomini e donne detenute alla casa circondariale Lorusso-Pagliarelli. «Il maestro Cappello ha sempre in qualche modo fatto una sorta di volontariato - spiega Aurelia Granà, che dirige il progetto - dedicando alcune giornate, ad esempio a realizzare cannoli espressi con i detenuti. Ci sono alcuni cibi che i carcerati non possono mangiare, perché non passano ai controlli come la crema di ricotta, quindi per loro è stata una festa».

Da qui nasce l'idea di un percorso di accompagnamento al lavoro, finanziato dal Dipartimento Regionale della Famiglia e delle Politiche Sociali nell’ambito dell’ Avviso 10/2016, gestito dall’associazione Idea, presieduta da Fabrizio Fascella, in partenariato con l'associazione Orizzonti Onlus e la Pasticceria Cappello, con la fattiva collaborazione del Pagliarelli che, attraverso varie attività (orientamento, formazione, laboratori e tirocini), favorirà l’inclusione sociale dei detenuti. «Tutte le idee sono buone ma poi si devono adattare alla realtà e al Pagliarelli c'erano già dei piccoli laboratori di pasticceria - continua Granà - I detenuti, su consiglio del maestro Cappello, realizzeranno dolci che nei laboratori non si fanno più in modo artigianale come la cialda del cannolo, la pupa di zuccaro, per la quale è rimasto un solo laboratorio che le distribuisce a tutte le pasticcerie durante il periodo dei morti. Poi ancora ci sono la pasta di mandorla e il torrone». L'idea è quella di formare quattro mini corsi di 150 ore, frequentati ciascuno da otto detenuti, per far realizzare in ognuno una sola di queste specialità in modo tale da poter insegnare loro a realizzare il prodotto finito. 

Poi c'è invece un corso lungo specializzante da seicento ore nel quale si insegnerà l'arte della pasticceria a livello più complesso, spendibile in Ue, e che sarà frequentato da otto donne. Il corso è già iniziato ed è partito dalle tecniche di base per le creme e la panificazione. Alcune delle detenute hanno già fatto le pasticcere e si pensa di farle accedere già ad alcuni dei 24 tirocini retribuiti con 500 euro al mese per un anno che verranno assegnati alla fine dei corsi. «L'obiettivo del progetto è l'inclusione sociale lavorativa - afferma ancora Granà - e i tirocini saranno assegnati a chi verrà ritenuto più idoneo». Si terranno o all'interno del carcere, sotto forma di impresa simulata, o all'esterno con i detenuti in articolo 21, ovvero che possono uscire e andare a lavorare. O ancora meglio potranno essere svolti da coloro i quali usciranno dal carcere entro la fine del progetto, che rappresentano i «candidati migliori da introdurre nel mondo del lavoro grazie all'associazione di pasticceri Conpait che ha soci in tutta la Sicilia. Si spera così che ci diano una mano nei luoghi di residenza dei detenuti coinvolti nel progetto». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×