Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Prof sospesa, il ministero nega richiesta di ispezione
«Volevamo solo informazioni, scelta del provveditore»

Dopo la notizia diffusa da Repubblica arrivano le precisazioni di Bussetti, «mai stato interessato né nell'avvio né nella conclusione dell'iter». Il Miur ricorda inoltre che è stato lo stesso provveditore Marco Anello a rivendicare la scelta

Redazione

«Volevamo solo informazioni». Si giustifica così il ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (Miur) dopo la notizia diffusa da Repubblica secondo la quale fu lo stesso ministro Marco Bussetti a chiedere i dettagli relativi al caso della docente Rosa Maria Dell'Aria, la docente palermitana sospesa per due settimane dopo che i suoi studenti avevano accostato le leggi razziali del 1938 al decreto sicurezza. Dal governo viene specificato che il ministro Bussetti «non è stato interessato né nell'avvio né nella conclusione dell'iter».

Nessun diktat né pressioni da Roma, dunque. «Ci fu, invece, una semplice richiesta di informazioni al competente ufficio territoriale da parte dell'ufficio stampa del Miur, tesa ad approfondire un caso emerso sui social - si legge - Una richiesta del tutto simile alle molte che vengono fatte ogni giorno agli uffici periferici del ministero per poter verificare fatti, segnalazioni e notizie che pervengono al Miur e rispetto ai quali la stessa stampa richiede una posizione o una dichiarazione del ministro. Non fu mai chiesta un'ispezione, cosa peraltro impossibile con una semplice e-mail dell'ufficio stampa, che non ha competenze in materia disciplinare. Non furono chiesti interventi specifici. Ma informazioni». 

Nella ricostruzione del ministero, poi, le informazioni arrivarono il 31 gennaio, «sotto forma di relazione e rispetto alla quale, come è possibile evincere dagli archivi dei comunicati stampa, nonché dai profili social del ministro, non ci fu alcuna dichiarazione pubblica o richiesta palese di intervento. Anche per la doverosa separazione fra i rispettivi ambiti che esiste fra potere di indirizzo politico e potere di gestione amministrativa, come previsto dalle norme vigenti». Il Miur ricorda infine che fu lo stesso Marco Anello, dirigente dell'ufficio territoriale di Palermo, a rivendicare «in piena autonomia» la sua scelta.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×