Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Dismissione campo rom, il punto: sette famiglie ancora negli istituti
«Un'esperienza di grande civiltà, ho fiducia nelle nuove generazioni»

Parla la referente per l'integrazione dei minori rom del provveditorato agli studi, che è stata accanto alle famiglie nelle fasi precedenti e successive allo smantellamento dell'insediamento della Favorita. Dai pregiudizi alla solidarietà, fino alla lotta alla dispersione scolastica. Ecco cosa è successo da aprile ad oggi

Stefania Brusca

Foto di: Antonio Melita

Foto di: Antonio Melita

«Ciao a tutti, sarete sempre nei nostri pensieri e non vi scorderemo mai. Speriamo che un giorno la nostra vita sia migliore e che vi potremo ricompensare per tutto quello che avete fatto per noi. Vi vogliamo un mondo di bene». Queste sono alcune parole di una lettera dei bimbi di una delle famiglie che fino a pochi mesi fa abitavano il campo. Adesso vivono in Francia, meta scelta anche da altre due nuclei familiari, ma non dimenticano chi ha dato corpo alle loro speranze, sostenendoli nei momenti difficili. Poche righe, cariche di significato e affetto, inviate anche a Carla Mazzola, docente referente del Provveditorato agli studi per i minori rom, presente in tutte le fasi di dismissione del campo, avvenuta i primi giorni dello scorso aprile. «È stata una cosa che ci ha commosso. Molte famiglie erano partite nel corso degli anni per le condizioni precarie di quel luogo, a causa della presenza di amianto, topi, cani randagi e baracche che volavano per un soffio di vento - spiega Mazzola - che sono state oggetto di numerose segnalazioni da parte nostra. Le mete preferite sono sempre state Francia e Germania». Quando ha iniziato a lavorare con le famiglie del campo, nel 2006, lo scenario era molto complesso. Negli anni, grazie ad attività che hanno coinvolto genitori e alunni di famiglie rom e non, si è raggiunta una progressiva integrazione favorita dalla scuola. 

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×