Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Termini, cassa integrazione per i lavoratori Blutec 
Cgil: «Il governo ci convochi ora, qui crolla tutto»

Il provvedimento riguarderà circa un centinaio di operai. Da lunedì 3 giugno saranno 40 le persone che saranno impiegate all'interno dello stabilimento industriale: un ritorno al punto più nero di tutta la vertenza. «Questa è la conferma definitiva che il progetto è morto» dice il segretario Fiom

Andrea Turco

I passi in avanti sono solo attesi, quelli indietro invece sono concreti. Da lunedì 3 giugno per una parte dei lavoratori Blutec di Termini Imerese, circa un centinaio, scatterà la cassa integrazione, allo stesso modo di quel che è avvenuto negli altri impianti dell'azienda torinese. La notizia era nell'aria da un po' di tempo, ma si sperava comunque che il commissario straordinario Giuseppe Glorioso riuscisse a rinviare la misura, che testimonia le drastiche difficoltà dell'azienda subentrata a Fiat a dicembre 2014. Con un progetto di riconversione industriale che non è mai decollato, tra accuse di malversazioni ai danni di Invitalia (l'agenzia nazionale per lo sviluppo degli investimenti d'impresa) e commesse di lavoro che sono rimaste ipotetiche, in assenza di un piano industriale definito. 

«Era una cosa che ci aspettavamo, il commissario ce l'aveva anticipato - conferma Roberto Mastrosimone, segretario regionale della Fiom -. Ci ha più volte spiegato che ci deve essere un equilibrio tra attività e fatturato. Credo che questa sia la conferma definitiva che il progetto Blutec è morto, e quindi adesso il ministro Di Maio deve portare avanti quel che ha sostenuto lo scorso 26 ottobre, quando è venuto a Termini. Cioè che il governo non intende lasciare soli i mille lavoratori coinvolti, cioè i 700 Blutec e i 300 dell'indotto. Quindi adesso è urgente, dopo il crollo di Blutec, che venga convocato al più presto un tavolo. Anche perché il 30 giugno comunque per tutti scade la cassa integrazione dei sei mesi, che è stata anticipata proprio dal ministero dello Sviluppo Economico e del Lavoro». 

A giugno, dunque, la situazione all'interno dello stabilimento industriale sarà analoga a quella che esistente prima dell'arrivo di Blutec. A lavorare saranno appena una quarantina di persone, tra sorveglianza, manutenzione e pompieri, e tutti gli altri in cassa integrazione.Con quello che appare un ritorno al punto più nero di tutta la vertenza. Le ultime 100 persone in arrivo si aggiungono alle altre mille che nel corso di questi anni hanno usufruito degli ammortizzatori sociali. Gli strumenti di welfare paradossalmente sono stati l'unica certezza per i lavoratori, a fronte di tante speranze - le ultime, in ordine di tempo, sono state la visita della delegazione cinese e la fusione tra Fca e Renault - che sono rimaste sulla carta.

«C'è bisogno di tracciare una strategia comune col commissario di Blutec, il governo regionale e quello nazionale - spiega Mastrosimone - per trovare delle soluzioni nuove e concrete che possano ridare l'impiego ai mille lavoratori di Termini Imerese. Ma se questo non si fa nel giro di qualche settimana il rischio è che crolli tutto. L'intervento del commissario testimonia, se mai ce ne fosse bisogno, che il progetto Blutec è esaurito e si deve guardare altrove, come diciamo da tempo. Di Maio, dopo la votazione interna ai 5stelle, non è stato solo confermato come capo politico ma anche, implicitamente, come ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico. Quindi adesso ci attendiamo una convocazione immediata». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×