Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

La B è salva, club moderatamente soddisfatto
Orlando: «Promozione rimandata di un anno»

La frase «Meglio perdere che straperdere» del direttore finanziario di Arkus Network, Salvatore Tuttolomondo, riassume lo stato d'animo della società in seguito alla sentenza della Corte Federale d'Appello. Nel pomeriggio circa 60 tifosi si erano radunati davanti allo stadio in attesa del verdetto

Antonio La Rosa

Foto di: Antonio La Rosa

Foto di: Antonio La Rosa

Il 29 maggio, in casa Palermo, fa rima con positività. Dopo la storica promozione in A nel 2004, i festeggiamenti l’anno successivo per la qualificazione in Coppa Uefa e la vittoria morale dei 40 mila tifosi presenti allo stadio Olimpico di Roma in occasione della finale di Coppa Italia contro l’Inter nel 2011, questo giorno del calendario – il 29 maggio appunto – anche oggi ha strizzato l’occhio al club di viale del Fante. La sentenza con cui la Corte Federale d’Appello ha riportato i rosanero in B allontanando i fantasmi della serie C è in realtà un mezzo successo perché l’obiettivo della società era quello di ribaltare totalmente la sentenza di primo grado del Tribunale Federale Nazionale ma il verdetto odierno è stato accolto comunque con moderata soddisfazione. Riassunta dalla frase «Meglio perdere che straperdere» pronunciata dal direttore finanziario di Arkus Network, Salvatore Tuttolomondo.


La nuova proprietà, che parlerà domani in una conferenza stampa in programma alle ore 16 allo stadio Barbera, adesso si sente più sollevata. Un sentimento che rispecchia anche lo stato d’animo del sindaco Leoluca Orlando: «La Giustizia sportiva – si legge in una nota - ha cancellato l’assurda retrocessione in serie C, che non avrebbe tenuto in alcun conto dei risultati sportivi raggiunti dalla squadra. Nel confermare la vicinanza della città e dell’amministrazione ai colori rosanero, crediamo che la promozione sia solo rimandata di un anno». Mentalmente più leggero anche il ds Rino Foschi: «Poteva finire anche peggio, quindi oggi siamo contenti per questa sentenza – ha dichiarato a gds.it – la B ci appartiene, lo abbiamo dimostrato, e adesso cerchiamo di ripartire senza preoccupazione. Oggi è successa una cosa bella, qualche ora fa eravamo preoccupati ma, per fortuna, questa volta la giustizia ci ha dato in parte giustamente ragione».


Il verdetto, per il quale Nestorovski e Rispoli hanno esultato sui social, è arrivato in serata quando ormai stava per volgere al termine nel piazzale antistante lo stadio il raduno dei tifosi che si sono ritrovati intorno alle 16,30 davanti all’impianto di viale del Fante su iniziativa del gruppo Amiche tifose rosanero. Erano circa 60, soprattutto sostenitori comuni (tra cui l’ex presidente della Figc provinciale, Stefano Saitta) non appartenenti ai gruppi del tifo organizzato rimasti nelle rispettive sedi. Con il coro «Rispetto, rispetto» in perfetta sintonia con la scritta («Palermo merita rispetto») esibita dalle loro t-shirt, le tifose che hanno organizzato l’evento hanno voluto dare un altro segnale e far sentire nuovamente la propria voce. E l’iniziativa, promossa da questo gruppo di fedelissime rosanero con lo scopo di vivere insieme i momenti della febbrile attesa e incoraggiarsi a vicenda, in virtù dell’esito del ricorso presentato dal Palermo ha sortito in parte gli effetti sperati.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×