Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Ippodromo, i lavoratori chiedono la riapertura
«Da 500 giorni si attende bando dal Comune»

Dopo la revoca della concessione all’ex società di gestione raggiunta da una interdittiva antimafia, l'anello di viale del Fante è stata chiuso definitivamento e l’ultima gara è stata disputata nel 2017. La chiusura rischia di provocare danni economici rilevanti

Antonio Mercurio

Ancora una volta in piazza per chiedere la riapertura dell’ippodromo chiuso ormai da quasi 500 giorni. A pretendere risposte certe sono gli ex lavoratori della struttura e della filiera ippica che oggi hanno manifestato con un corteo da piazza Verdi fino a Palazzo delle Aquile. La protesta, organizzata dalla Slc Cgil Palermo, nasce per sollecitare il Comune all’emissione del avviso, più volte annunciato ma mai pubblicato, per la gestione e la riapertura dello storico impianto. Dopo la revoca della concessione all’ex società di gestione, la Ires, raggiunta da una interdittiva antimafia, la struttura è stata chiusa definitivamente e l’ultima gara è stata disputata il 9 dicembre del 2017.

Proprio i prossimi giorni potrebbero essere decisivi per il futuro della Favorita: l’assessore al Patrimonio Roberto D’Agostino, che oggi ha incontrato lavoratori e sindacati, attende la relazione dei vigili sulle condizioni della struttura. A ritardare l’iter per la pubblicazione del bando, la presenza di amianto e di alcune opere abusive all’interno della strutturaNel frattempo, la chiusura prolungata, come denuncia il sindacato, rischia di provocare danni economici rilevanti come il deprezzamento dell’impianto ormai abbandonato a se stesso, la perdita dei fondi del MIPAAF per le corse dei cavalli, che verrebbero dirottati in altri ippodromi, la perdita di posti di lavoro per tutto l’indotto.

«L’emissione del bando di gara per la gestione e la riapertura dell'ippodromo alla città non sono più procrastinabili - dichiarano Maurizio Rosso segretario generale Slc Cgil Palermo e Massimiliano Fiduccia della segreteria - servono tempi certi per ridare lavoro a chi lo ha perso, scongiurare il deprezzamento di un bene di proprietà del Comune ma soprattutto per creare sviluppo, occupazione e nuove attività strettamente correlate all'ippica. Ora più che mai, serve allontanare l'ombra scura che sembra aver ammantato la struttura di viale del Fante».

Al corteo stamane hanno preso parte alcuni ex dipendenti - in totale sono 56 senza contare i lavoratori dell’indotto, oltre 200 - che in questi mesi sono andati avanti anche grazie alla Naspi che, tuttavia, dura solo due anni. «Ormai il primo anno di ammortizzatori sociali ce lo siamo giocato - commenta con amarezza Giuseppe Mangano - fortunatamente mia moglie lavora ma altri miei colleghi sono monoreddito. In questi mesi siamo stati fiduciosi ma più passano i mesi più cresce il timore che l’ippodromo possa fare la fine del teatro Massimo, rimasto chiuso per oltre 20 anni. A Palermo ci sono tanti altri impianti sportivi caduti nel dimenticatoio e al solo pensiero viene l’angoscia. Adesso, però, vogliamo certezze perché in questi mesi di promesse ne ne sono state fatte tante».

A fargli eco anche il presidente dei guidatori, Gaspare Lo Verde: «Da due anni la situazione è diventata insostenibile. L’ippica siciliana ha dato molto all’Italia, abbiamo vinto ovunque ma ora chi vuole continuare è costretto ad affrontare sacrifici gareggiando al Mediterraneo di Siracusa, o al Nord Italia. Si è perso troppo tempo - conclude -  è una vicenda che si poteva risolvere in sei mesi ma sono passati quasi due anni».

Positivo l'incontro con l'assessore: «Siamo stati ricevuti con gruppo di lavoratori dall'assessore al Patrimonio D'Agostino - dichiarano ancora Rosso e Fiduccia della SLC CGIL - Il Comune ha completato il bando di gara e sta espletando le procedure per pubblicare la manifestazione d'interesse che dovrebbe avvenire entro metà giugno. Si attende l'ok dalla Sovraintendenza e l'idea del Comune è quella di circoscrivere le aree dell'impianto che necessitano di un intervento strutturale di accelerare i tempi, in modo da far ripartire l'Ippodromo nel giro di qualche mese una volta completato l'iter di assegnazione del bando di gara. È intenzione del Comune rinnovare la tradizione ippica a Palermo ma anche affiancare alle corse dei cavalli nuove attività che siano in grado di dare maggiore attrattività all'Ippodromo. Attendiamo per metà giugno la pubblicazione della manifestazione di interesse nel caso contrario torneremo a far pressione all'amministrazione per dare quelle risposte che i lavoratori si aspettano».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×