Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Tante lenzuola contro Salvini sui balconi della città
«L'unico straniero a Palermo? Il ministro dell'Interno»

La contestazione contro il vicepremier è diventata una gara di creatività - con tanto di gruppo FB. Sono decine gli striscioni comparsi sin dall'alba, nonostante la possibile rimozione della digos, come già avvenuto in altre parti d'Italia. Guarda le foto

Redazione

Dopo la strage di Capaci uno dei primi segnali di ribellione alla mattanza di Cosa nostra fu l'esposizione di lenzuoli bianchi sui balconi della città. E oggi, a distanza di 27 anni, torna quella forma di protesta. Ma questa volta, come già nei giorni passati in altre città d'Italia, contro il ministro degli Interni e vicepremier del governo Lega-5stelle Matteo Salvini. Il quale è appena giunta in aula bunker, alla commemorazione ufficiale del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo e degli uomini della sua scorta: una cerimonia, però, segnata dalle pesante defezioni del presidente della Regione Nello Musumeci e del deputato all'Ars Claudio Fava

Proprio sulla strada che dal porto di Palermo conduce all'Ucciardone è comparso uno striscione che riporta la scritta Non ti vogliamo. Più in generale, come era facile immaginare, la contestazione contro Salvini è diventata una gara di creatività. Ha dato il via una scritta apparsa ieri nella centralissima via Roma, che recitava Contro il ministro delle interiora, 49 milioni di stigghiola: complicata ma azzeccata fusione tra la vicenda dei 49 milioni di euro incassati dalla Lega, secondo l'accusa, in maniera fraudolenta dal 2008 al 2010 e uno dei cibi più tipici della Palermo popolare. Sono decine gli striscioni comparsi sin dall'alba, nonostante la possibile rimozione della digos, che nelle altre città è intervenuta immediata - non senza polemiche. 

E c'è anche un gruppo Fb, intitolato Rivoluzione delle lenzuola, che indica l'hashtag da usare (#salvinitoglianchequesti) e dà delle indicazioni per evitare l'intervento della digos. «Semplicemente niente offese, parolacce o minacce - si legge - Il rischio altrimenti è quello di commettere il delitto di diffamazione, punito dall'art. 595 del codice penale. Quindi sì a ironie, rime e frasi di solidarietà alle vittime delle politiche del governo, ma comunque rispettose».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×