Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

La ribellione dei docenti alla sospensione della collega
«Cosa dovremmo insegnare agli studenti, la censura?»

Dopo il provvedimento disciplinare («il più forte prima del licenziamento») sono in tanti gli insegnanti che manifestano vicinanza a Rosa Maria Dell'Aria. «Abbiamo invece il diritto-dovere di alimentare lo spirito critico dei ragazzi» dice Roberto Alessi dei Cobas

Andrea Turco

Foto di: Pixabay

Foto di: Pixabay

«Si tratta di un episodio gravissimo che deve far riflettere tutti, a partire dagli insegnanti. Qui bisogna scendere in piazza». Maria Messina è una docente di Francese, attualmente insegnante di sostegno all'istituto comprensivo Antonio Ugo. Ed è arrabbiata, come tanti colleghi, dopo l'episodio che ha coinvolto la docente di Italiano al Vittorio Emanuele, sospesa per due settimane per mancato controllo in quanto i suoi studenti in un video, durante il giorno della memoria, hanno accostato la figura del vicepremier Matteo Salvini a quella del dittatore fascista Benito Mussolini. E sono tanti i colleghi che in questo momento stanno manifestando solidarietà alla docente Rosa Maria Dell'Aria. 

«Io, insegnante - dice ancora Messina - ho il dovere di contribuire allo sviluppo nei miei alunni dello spirito critico, della capacità di analisi della realtà. E non ho il diritto, né tantomeno posso avere l'obbligo, di censurare i loro ragionamento, le loro associazioni. Se vogliono accostare il decreto sicurezza alle leggi razziali io non devo censurare: posso aprire un dibattito, posso esprimere il mio parere favorevole o contrario ma non posso insegnare la censura». È dello stesso avviso Elio Teresi, che insegna Tecnologia all'istituto comprensivo Mattarella-Bonagia. Una di quelle scuole di frontiera, come si usa dire, in cui Teresi arriva dopo anni di insegnamento in Val di Susa. «Dopo una vicenda del genere mi chiedo: cosa dovremmo insegnare d'ora in poi agli studenti, la censura? - afferma - La libertà di insegnamento è prevista dalla Costituzione. Ed è vergognoso che anche l'ufficio scolastico si sia mosso dopo il tweet di un neofascista, che a quanto pare non è neanche un insegnante. Simili provvedimenti venivano presi durante il periodo fascista, quando ci furono molti insegnanti che vennero destituiti dall'incarico perché dichiaravano di essere antifascisti».

Tra coloro che hanno espresso vicinanza a Rosa Maria dell'Aria c'è anche Mila Spicola che, oltre a essere un'insegnante, è anche candidata alle elezioni europee tra le fila del Partito democratico. «Sono solidale con la collega - è il suo commento - si tratta di una vicenda grottesca e pericolosa. Il video è stato prodotto dagli studenti e nella scuola vige libertà d’insegnamento e pluralismo delle idee. È un mandato costituzionale che non può essere messo in discussione. Se deve essere questa la punizione per chi applica regole di pluralismo, libertà e discussione nelle classi coi propri studenti allora sospendete anche me». Domani inoltre si terrà un corteo dei Cobas scuola contro la regionalizzazione, per un contratto con significativi aumenti e per l’assunzione stabile dei precari. Una manifestazione annunciata da tempo, ma alla quale sarà dedicato spazio anche alle vicende della docente sospesa. Come conferma Roberto Alessi che, oltre ad essere sindacalista Rsu, è anche insegnante all'istituto Danilo Dolci.

«È difficile commentare questa notizia - dice - perché è strano di per sè che un ufficio amministrativo abbia assunto una posizione così forte. La sospensione della docente, che prevede anche la mancata retribuzione, è infatti il provvedimento disciplinare più forte prima del licenziamento. E la sanzione è stata data non per l'opinione della docente ma per un mancato controllo. Una motivazione che sarebbe già discutibile se ci fosse un presunto illecito, cioè nel senso che se noi dovessimo considerati responsabili di tutto ciò che si dice a scuola, saremmo passibili di procedimenti disciplinari ogni giorno. Censurare un paragone di tipo storico con l'attualità sarebbe il contrario del nostro lavoro. Ecco perché questo provvedimento appare fortemente intimidatorio e contrario al diritto-dovere di alimentare lo spirito critico dei ragazzi. Credo che un provvedimento del genere non sia piaciuto neanche ai fans di questo governo». 

Mentre da parte propria l'Usb, dopo aver specificato che gli alunni hanno utilizzato un articolo presente in rete di un noto giornalista italiano per quello che viene definito «un legittimo accostamento tra il decreto sicurezza e le leggi razziali durante la celebrazione del giorno della memoria», parla di un fatto assolutamente inquietante e annuncia una mobilitazione nei prossimi giorni. ««La celerità dell’intervento da parte del ministero e del provveditore di Palermo  - spiega Luigi Del Prete, dell'esecutivo nazionale Usb Scuola - evidenziano ormai un clima irrespirabile all’interno del paese e nelle scuole italiane, dove la libertà d’insegnamento è sempre più vilipesa e in cui l’antifascismo ormai è sotto attacco come disvalore. Crediamo nella forza dirompente della libertà di pensiero nell'educazione dei nostri studenti, che il ruolo dell’insegnante debba essere quello di formare coscienze critiche capaci di capire che il fascismo, il razzismo e la xenofobia non sono “idee” ma espressioni dell’odio e anticamera dei regimi totalitari, che operare confronti storici tra periodi diversi, mostrando similitudini e differenze, sia un elemento essenziale dell’insegnamento della storia che voglia far comprendere lo sviluppo del pensiero dell’umanità. Sanzionare un docente per aver semplicemente fatto l’insegnante e aver stimolato i propri studenti alla riflessione critica, senza voler limitare il loro libero esercizio del pensiero attraverso un lavoro sulle fonti, significa creare una scuola di regime, asservita al potere e al pensiero unico dominante, anticamera di una società sempre più indirizzata alla barbarie».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.