Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Cosa nostra e quella mafia targata Fontana
«Una maledizione essere in affari con questi»

Subappalti, cantieri navali, edilizia privata, ma anche gioielli, caffè e naturalmente droga e pizzo. Sarebbero stati davvero tanti gli affari illeciti di una delle famiglie della criminalità organizzata più antiche della città. Una prova che mafiosi si resta per sempre?

Silvia Buffa

Non sono certo un nome qualunque. A Palermo dire Fontana, specie in certe zone, significa una cosa sola: mafia. «Parliamo di una famiglia storica, non certo di secondo piano», come fa notare il colonnello Cosmo Virgilio, comandante del nucleo di polizia economico-finanziaria di Palermo. Non stupisce che, malgrado le condanne, il carcere e una vita lontana dal capoluogo siciliano, insomma, il legame con Cosa nostra sia rimasto intatto. Gli arresti di ieri hanno colpito due dei figli dello storico boss della zona Acquasanta-Arenella, Stefano Fontana, morto nel 2012: il 41enne Giovanni e la 30enne Rita. Malgrado una nuova vita a Milano, le indagini condotte su di loro dimostrerebbero che forse non erano poi così lontani dall’aria di Palermo, anzi. Qui avrebbero continuato a gestire quei giri illeciti che gli avrebbero permesso di condurre una vita più agevole, lontano dagli occhi indiscreti degli investigatori. Malgrado la distanza, avrebbero continuato a esercitare un importantissimo controllo sulle attività economiche della zona, manipolandole per trarne vantaggi personali. Dalla droga all’edilizia privata, dai subappalti ai cantieri navali, dai gioielli al caffè.

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×