Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Un palermitano al timone della squadra rosanero
Albanese: «Finalmente siamo nelle mani giuste»

Nel corso della presentazione dei nuovi proprietari, il neo-presidente della società di viale del Fante non ha nascosto la propria soddisfazione in merito al suo coinvolgimento nell'operazione coordinata dal gruppo Arkus Network. Tuffo nel passato per il dg Lucchesi

Antonio La Rosa

Foto di: Antonio Melita

Foto di: Antonio Melita

Un palermitano al timone del Palermo. Sarà solo una coincidenza? Nel caso di Alessandro Albanese, presidente del Cda nominato dall’assemblea dei soci lo scorso 3 maggio, può essere proprio la palermitanità il valore aggiunto. L’aspetto che, attraverso il legame (non solo affettivo) con il territorio in cui sarà chiamato ad operare, potrebbe fare la differenza rispetto alla gestione di alcuni suoi predecessori nel recente passato. «Sono rimasto spiazzato – ha ammesso il numero uno di Sicindustria delegazione di Palermo nel corso della conferenza stampa di presentazione della nuova proprietà del club di viale del Fante avvenuta oggi in un albergo a Mondello – amo il calcio e mi piace vivere i momenti, l’adrenalina dei pre e post-partita, il classico chiacchiericcio da bar e anche per tale ragione questo mio coinvolgimento è diventato un qualcosa di eccezionale. Si tratta di un progetto importante per la città – ha aggiunto riferendosi ai programmi delineati dal gruppo Arkus Network – un progetto di riscatto dopo un periodo del Palermo Calcio che non è stato affatto florido. Adesso possiamo dire di essere finalmente nelle mani giuste».


Albanese, classe 1965 e tifoso rosanero doc, fisicamente e mentalmente si è già calato nel nuovo contesto. «Ribadisco che è stata una cosa eccezionale la proposta che mi è stata fatta in merito al ruolo di presidente. I fatti verranno compiuti se si andrà avanti tutti insieme e se ci sarà unità d’intenti. Attraverso le imprese, le associazioni e anche i tifosi che invito a riempire lo stadio, lotteremo per sostenere i nostri colori e, dimostrando di volere fare qualcosa, per affiancare chi ha dimostrato voglia di investire in questa realtà». Il progetto ruota intorno al concetto di team, del fare squadra: «Abbiamo manifestato, dopo l’acquisizione del capitale azionario, il piacere da parte di un gruppo di imprenditori e di professionisti di entrare nel mondo Palermo con delle quote e questo interesse da parte di alcune persone intenzionate a stare vicino alla società è stato accolto con favore».

Nel nuovo organigramma figura anche il direttore generale Fabrizio Lucchesi. Per il dirigente toscano si tratta di un tuffo nel passato avendo già lavorato nel capoluogo siciliano all’inizio del nuovo secolo durante l’era Sensi: «Allora non ho fatto in tempo a vivere l’esperienza in prima persona. Torno volentieri perché considero Palermo una realtà importante sia dal punto di vista calcistico che del tessuto cittadino. Una realtà che ha delle potenzialità che noi riteniamo molto importanti. Sono rimasto colpito positivamente dalla concretezza dei nuovi proprietari: poche parole ma dette bene e con chiarezza. Sono molto motivato e sono entrato subito in empatia con loro. Mi sento coinvolto, consapevole del fatto che in questa operazione ci sono sia oneri che onori. So che ci sarà da lavorare ma sono pronto e non vedo l’ora di farlo». 

Il nome di Lucchesi, di recente, era stato accostato al Palermo anche quando intorno all'orbita rosanero gravitava l'imprenditore pugliese Follieri. «Ho svolto in quel caso un ruolo di consulente - spiega il neo-dg rosanero - ci chiamano spesso, in linea generale, per fornire delle specificità a chi non ha molta dimestichezza con questo mondo. Follieri ha tentato di prendere il Palermo, poi si è riproposto ma la trattativa si è arenata. Successivamente alcuni professionisti mi hanno messo in contatto con la famiglia Tuttolomondo e adesso sono molto contento di essere coinvolto in questo progetto. Negative le mie ultime esperienze da dg? Non direi, a Pisa ho portato Gattuso vincendo un campionato, a Latina sono riuscito a evitare il fallimento della società. In ogni caso, questo è un mondo in cui il più bravo è quello che sbaglia meno. Io mi ritengo un medico bravo, uno che spesso è riuscito a curare dei soggetti malati».

Anche il Palermo rientra in questa categoria: «Nel cassetto abbiamo un piano B e un piano A. Abbiamo dimensionato la B, sappiamo che c’è una montagna di debiti che richiede un determinato piano di ristrutturazione e sappiamo anche che in B il Palermo avrebbe delle perdite. Noi in ottica finanziaria ragioniamo tenendo in considerazione la serie B ma c’è anche un piano alternativo che riguarda la serie A. Obiettivo a cui tutti teniamo e, a questo proposito, per la partita con il Cittadella (gara nella quale l’incasso sarà devoluto in beneficenza, ndr) sta avendo successo l’iniziativa relativa all'introduzione di prezzi speciali. L’incentivo sul biglietto è, di fatto, l’unica leva sulla quale potere intervenire per dare un segnale e creare i presupposti per un certo tipo di ambiente».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.