Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

A Bagheria crolla il M5s, sconfitta anche la Lega
Tripoli festeggia vittoria: «Da oggi si volta pagina»

Un risultato inaspettato al primo turno - anche se si attende l'ufficialità - per il candidato sostenuto sulla carta da liste civiche, espressione in realtà del centrosinistra e di un pezzo di centrodestra. La sfida maggiore sarà riuscire a tenere unita una maggioranza così eterogenea. Amenta: «Ci riuscirà solo se saprà librarsi dagli estremismi»

Antonio Mercurio

A Bagheria sconfitti centrodestra e Lega mentre crolla il M5s. Si potrebbe sintetizzare così l’esito delle elezioni per il rinnovo del consiglio comunale dove si profila la vittoria al primo turno - al comitato già festeggiano anche se manca ufficialità dello spoglio - del candidato sindaco Filippo Tripoli (46,40 per cento) sostenuto dal centrosinistra e da un pezzo di centrodestra. Mentre segue a distanza Gino Di Stefano (31,15 per cento), candidato del centrodestra e della Lega che aveva riempito piazza Matrice di sostenitori di Matteo Salvini. Débâcle, infine, per il candidato del Movimento che ha amministrato il comune negli ultimi cinque anni: Romina Aiello si ferma intorno al 10 per cento (per la precisione 11,36%). 

Distaccati Antonio Belvedere Lista Cento passi per Aspra e Bagheria 1642 voti - 5,96%, e Angela Daniela Alessandra Iannì con Movimentiamo Baaria ha raggiunto una percentuale di 5,13% con 1.414 voti. Alto anche l’astensionismo, hanno votato 28.651 bagheresi (di cui 14.087 uomini 59,37% e 14.564 donne 57,62%), per una percentuale totale pari al 58,47 %. Nel 2014 la percentuale di voto era del 63,84%.

Per Tripoli, 38 anni, consigliere uscente sostenuto da sette liste una vittoria inaspettata, soprattutto al primo turno, contro un candidato che alla vigilia sembrava godere dei maggiori consensi, supportato da una sintesi unitaria sostenuto da Lega, Diventerà Bellissiama, Forza Italia, Udc e una serie di liste civiche. Un risultato inaspettato che Tripoli ha commentato così caldo sulla sua pagina Facebook: «Da oggi Bagheria volta pagina! Riusciremo a ripagare la fiducia che avete risposto in noi e nel nostro programma. Metteremo al servizio della nostra città tutte le nostre competenze, esperienze ed energie». In realtà, la sfida che lo attende è assai ardua: seppure sostenuto ufficialmente da liste civiche, senza simboli di partito, la sua è stata una candidatura il cui spettro politico spazia dal centrodestra fino al Partito Democratico. Una coabitazione non facile, che ha fatto scintille già alla vigilia della presentazione delle liste registrano il passo indietro del segretaria dem locale. A scatenare i mal di pancia, infatti la presenza di Fratelli d’Italia.

«La vittoria di Tripoli è il risultato di forze molto eterogenee - afferma ora Orazio Amenta segretario Pd di Bagheria che allora aveva definito quell'alleanza un'accozzaglia - credo però che lui abbia una possibilità che gli viene data dall’esito elettorale: la lista di FdI non supera il 5 per cento. Da questo punto di vista è un’opportunità politica per cercare di raddrizzare un po’ quella che poteva essere un’accozzaglia. Certo bisogna capire quale sarà la tenuta di questa coalizione. Ci riuscirà - avverte - solo se saprà librarsi dagli estremismi e noi seguiremo con interesse questa amministrazione». In effetti, i problemi da affrontare nei prossimi cinque anni sono da fare tremare i polsi. Occorrerà dare segnali forti su alcuni punti essenziali come quello dell’abusivismo e della legalità, temi rispetto ai quali forse ha deluso le aspettative il sindaco uscente, il grillino Patrizio Cinque, autosospeso dopo le indagini che lo hanno visto coinvolto. Con effetti negativi a cascata sulla candidata Aiello. Ora, bisogna capire se il nuovo sindaco riuscirà a mettere d'accordo tutte le anime che compongo la nuova maggioranza in consiglio comunale.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews