Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Quale sarà il futuro delle piste ciclabili cittadine?
Conferme, rinvii e novità spiegate dall’assessore

Giusto Catania, che ha la delega alla Mobilità, parla degli sviluppi legati ai percorsi ciclabili più discussi, e indica le scelte a breve termine dell’amministrazione comunale. Tutto fermo in via Libertà, tempi lunghi per via Roma, si lavora per costa sud e collegamenti con le scuole

Massimo Gucciardo

Utili o inutili, collocate in posizione errata oppure secondo tutti i dettami di legge, le piste ciclabili a Palermo fanno sempre discutere. Qualche giorno fa l’assessore comunale alla Mobilità, il rientrante Giusto Catania (che ha già ricoperto questo ruolo nella scorsa consiliatura) ha spiegato in un’intervista a Repubblica che entro l’estate la giunta approverà il nuovo piano della mobilità dolce, che sostituirà quello attuale risalente al 2015 rimasto per buona parte solo sulla carta. Nel frattempo però – è corretto riportarlo – ci sono stati cambiamenti di rilievo alla viabilità cittadina (le pedonalizzazioni nel centro e la Ztl) che hanno stravolto alcune idee originarie.

Fatto sta che cittadini, associazioni, e gli stessi ciclisti hanno pareri spesso contrastanti sui percorsi cittadini destinati alle due ruote. Per questo abbiamo chiesto all’assessore quali sono le intenzioni per alcuni dei casi più rilevanti, a partire dal percorso di via Libertà. Su un tratto del lungo viale, tra le piazze Politeama e Croci, un’ordinanza dell’ottobre 2016 dello stesso Catania ha istituito la pista ciclabile sui marciapiedi centrali. Una coabitazione forzata pedoni-bici che ha suscitato polemiche, rinfocolate negli ultimi mesi dall’incompatibilità con la presenza (ormai più che ventennale) delle librerie. Del caso è stato investito il tavolo tecnico voluto dalla precedente assessora Iolanda Riolo, ed ora l’attuale titolare della delega alla Mobilità afferma che «ci può essere una condivisione tra una pista ciclabile sul marciapiede e l’attività dei librai, comunque l’istruttoria è ancora in corso e stiamo verificando se può rimanere la compatibilità. Siamo arrivati al momento di tirare le somme sulla sperimentazione».

Altro caso scottante è l’ipotizzata pista in via Roma, che dovrebbe sostituire quella eliminata in via Maqueda per la difficile convivenza tra spostamenti veloci in bici e andature più tranquille dei pedoni. Un percorso che secondo i promotori (alcune associazioni cittadine e di ciclisti) si dovrebbe snodare dalla Stazione centrale fino a via Cavour, ma che deve passare dall’approvazione in consiglio comunale, dal momento che per motivi burocratici non si può avere promiscuità con gli autobus.

Ma - almeno per il momento – arriva una doccia fredda: «La costruzione di una pista ciclabile – analizza l’assessore - precluderebbe una delle corsie preferenziali dei bus. Stiamo lavorando in via Roma per un doppio senso di circolazione per le macchine, anche in previsione del fatto che ci sarà il tram. Quindi, in vista della progettazione di quest’ultimo credo che il percorso ciclabile sarà perfezionato quando sarà realizzato il tram». Al momento l’avvio dei lavori del tram è fissato a fine 2020 e il completamento della prima linea due anni dopo, quindi per la ciclabile se ne riparlerà non prima del 2022.

Dato per assodato invece che non si completerà il tratto mancante della pista tra via Dante e Giardino della Zisa (il pezzo di corsia ciclabile subito prima di via Guglielmo il buono non è protetto «perché non lo consentono le dimensioni dell’asse stradale»), lo sguardo si rivolge invece alle opere progettate. Quella in stato più avanzato è relativa alla costa sud, da via Archirafi al porticciolo della Bandita: la progettazione definitiva-esecutiva è stata affidata a dicembre 2018, e sono a disposizione 2,3 milioni provenienti dal Pon metro 2014–2020 per i lavori del primo lotto funzionale Archirafi-Diaz. Un percorso che si integrerà con la pista presente da tempo sui marciapiedi di via Messina Marine, ma che è soltanto un pezzo del progetto più ampio dell’amministrazione comunale: «C’è un grande investimento – sottolinea Catania - su tutta la costa sud. Con la redazione del Piano di utilizzo del demanio marittimo abbiamo immaginato una lunga pista ciclabile che va da Sferracavallo ad Acqua dei Corsari».

Un’attenzione particolare sarà rivolta nei prossimi mesi ai tragitti percorsi dagli studenti, nell’ambito del progetto “Go to school”, supportato da Amat, Comune e quattro istituti scolastici secondari cittadini: Vittorio Emanuele III, Einstein, Cassarà e Pio La Torre. «Insieme agli studenti – spiega il titolare della Mobilità - stiamo costruendo delle piste ciclabili, secondo le intenzioni di spostamento di ragazzi e lavoratori degli istituti, e nel giro di otto-nove mesi saranno realizzati questi percorsi casa-scuola. E’ un progetto che va avanti da un paio d’anni e che è stato finanziato dal ministero dell’Ambiente con un milione di euro. Sarà il primo atto propedeutico a costruire una serie di ragionamenti con le scuole palermitane». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×