Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Tecnis, protesta dei sindacati davanti alla prefettura
«Politeama rischia di restare cantiere a cielo aperto»

Tra le richieste al Mise c'è quella di intervenire per sbloccare la vendita. In modo che venga finita l'opera e si possa scongiurare il rischio di una rescissione di contratto, che significherebbe «almeno tre anni di cantiere fermo»

Stefania Brusca

Protestano i sindacati davanti alla prefettura contro il blocco della procedura di vendita di Tecnis decisa dal Ministero dello Sviluppo Economico. Oggi al Mise si terrà un incontro sulla vertenza, che incide anche su Palermo in termini di mancato lavoro degli operai, fermi in 15 su 20, e sul completamento dell'anello ferroviario. Ancora tempi incerti, infatti, per le fermate metro al porto, al Politeama e in viale Lazio: dal 2016 si lavora a regimi ridotti e da un mese tutto è rimasto al palo. Al momento «siamo al 27 per cento dei lavori realizzati», spiegano i sindacati. 

Il Mise «ha avviato una fase di accertamenti sulle modalità di vendita - afferma Pietro Ceraulo, segretario generale Fillea Cgil Palermo -  perché nella prima fase il commissario Ruperto aveva fatto un'aggiudicazione provvisoria a Pessina, che poi ha fatto marcia indietro. Allora Ruperto voleva procedere con D'Agostino ma a quel punto il ministero ha stoppato la procedura. Auspichiamo che avvengano in maniera rapida. Se anche la D'Agostino dovesse venir meno alla logica dell'acquisizione della Tecnis salta il banco. Siamo qui per sollecitare il ministero in questo senso, in modo tale che il commissario possa aggiudicare in maniera anche provvisoria la vendita alla D'Agostino. Questo consentirebbe un rilancio del cantiere in termini di produzione, richiamando il personale posto in cassa integrazione e soprattutto completando l'opera. Se non si arriva alla vendita il Politeama rischia di restare un cantiere a cielo aperto».

I sindacati chiedono quindi al Mise che intervenga perché venga finita l'opera e per scongiurare il rischio di una rescissione di contratto dell'opera. Un'eventualità che significherebbe «almeno tre anni di cantiere fermo». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×