Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Il genio di Leonardo in una mostra a palazzo Bonocore
«Forse avrebbe scelto Palermo come città in cui vivere»

Fino al 29 settembre è possibile ammirare, all'interno dell'edificio neoclassico di piazza Pretoria, l'omaggio all'artista rinascimentale. Con la riproduzione di una trentina di macchine da lui ideate, di disegni e schizzi che ne testimoniano il carattere multiforme

Andrea Turco

Se la parola eclettismo ha un senso, ebbene la sua forma più compiuta fu certamente nella figura di Leonardo da Vinciartista e scienziato insieme, ultimamente riscoperto anche come uomo colto (anche se lui si è sempre definito un omo sanza lettere). Ora il suo genio multiforme rivive in una mostra a palazzo Bonocore, in occasione delle celebrazioni per il cinquecentenario della sua scomparsa. Dal 13 aprile al 29 settembre sarà possibile visitare dunque, all'interno dell'edificio storico che affaccia su piazza Pretoria, La Ragione dei Sentimenti: una mostra ricca dei suoi disegni, a partire da quelli anatomici (i più conosciuti) e della riproduzione di una trentina delle sue macchine. Insieme ai capolavori leonardeschi, capaci di suscitare meraviglia a distanza di secoli, anche la ricostruzioni di alcuni abiti e strumenti d'epoca rinascimentale.

«Questa mostra si poteva fare solo a Palermo» ha detto sornione il sindaco Leoluca Orlando alla conferenza stampa di presentazione della mostra, che verrà inaugurata ufficialmente questa sera alle 19 con musica all'aperto e una cinquantina di comparse, tutte rigorosamente in abiti d'epoca. «Ci confermiamo città accogliente, nel senso che abbiamo accolto una mostra in cui si conferma che Leonardo Da Vinci è stata l'espressione più alta del superamento dei limiti dell'arte di quel tempo. Nonché il fondatore della scienza occidentale moderna, colui che, oltrepassando la metafisica, si pone per la prima volta come punto di congiunzione tra oriente e occidente». Anche l'assessore alle Culture Adham Darawsha ha fatto riferimento all'oriente, raccontando delle sue origini palestinesi e di come Leonardo sia studiato nelle scuole di tutto il mondo. «Ha anticipato tutti, ha rotto schemi e convenzioni - ha affermato l'assessore - Forse avrebbe scelto Palermo come città in cui vivere. E sicuramente, se fosse stato presente, ci avrebbe subito abbandonato per andare ancora a scoprire il territorio. Era un uomo molto curioso». 

I disegni di Leonardo presenti a palazzo Bonocore sorprendo per quella sperimentazione di forme e soluzioni che, per lui, erano anche una forma di appunto di indagini scientifiche che conduceva in prima persona. Raccolti in tante tavole, taccuini e quaderni, rispetto ai più celebri dipinti sono di numero largamente superiore e, alcuni, anche più interessanti di quadri come La Gioconda. Le macchine, invece, sono state prodotte in legno, metallo e stoffa: in scala e in grandezza naturale, sono state ricostruite da abili artigiani fiorentini sotto la supervisione di esperti ingegnere. Tra queste colpiscono certamente il presunto primo prototipo di bicicletta, trovato nel Codice Atlantico (ma sulla cui veridicità molti storici dell'arte sono scettici), quelle per lo studio del volo e quelle per usi militari.

La mostra La Ragione dei Sentimenti intende dunque, come dicono gli organizzatori, andare oltre l'artista e lo scienziato per ammirare l'uomo. E lo fa all'interno di palazzo Bonocore: l'edificio neoclassico dal 2015 è sede del museo multimediale sul patrimonio culturale immateriale siciliano e questa su Leonardo è la 15esima mostra che ospita. In appena quattro anni palazzo Bonoscore ha accolto 120mila persone e ha avviato con la società Navigare srl un partenariato che ha permesso l'arrivo di mostre come quella, recente e apprezzata, su Modigliani o le due edizioni del World Press Photo (il più famoso concorso di fotogiornalismo al mondo). 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×