Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Carini, ex bene mafioso diventa centro antiviolenza
Il sindaco: «Questa è una conquista per la comunità»

Il ministero dell’Interno ha autorizzato il finanziamento per il recupero di un immobile confiscato a Cosa nostra in contrada Giacaffe, per più di un decennio nel degrado: «Avere una struttura direttamente nel territorio renderà tutto meno traumatico»

Silvia Buffa

Un milione e mezzo per trasformare un bene della mafia in un luogo della gente e per la gente soprattutto. E nemmeno uno qualsiasi, perché l’immobile in via Europa vedrà presto sorgere un centro per donne vittime di violenza, che si chiamerà La finestra della legalità. Il ministero dell’Interno ha autorizzato il finanziamento nell’ambito della partecipazione del Comune di Carini al Pon Legalità 2014/20. «Un atto concreto - dice subito il sindaco Giovì Monteleone -. Il finanziamento permetterà il recupero di un immobile confiscato alla mafia in contrada Giacaffe, per più di un decennio lasciato nel degrado, e il suo utilizzo per il ricovero e attività di laboratorio delle donne e dei figli che sono state vittime di violenze».

«Purtroppo nel nostro territorio comunale sono tante le famiglie “normali” al cui interno avvengono violenze nei confronti delle donne e dei minori: un fenomeno che comporta un alto costo sociale ed economico per il nostro Comune, che deve finanziare il ricovero presso altre strutture fuori dal nostro territorio con ingenti spese - spiega il primo cittadino -. Ecco perché l’amministrazione comunale ha ritenuto opportuno rivolgere l’attenzione per dare una soluzione a un grave problema sociale, fermo restando che si svolge costantemente anche un’azione di prevenzione per impedire la diffusione di questo fenomeno». E il lato positivo, come spiega a MeridioNews, potrà essere anche non solo quello di una migliore gestione economica da parte dell’amministrazione, ma «il fatto che avere una struttura direttamente nel territorio renderà tutto meno traumatico». Al servizio delle donne ci saranno infatti anche operatori del luogo, anche se «non abbiamo grandi numeri visto che siamo uno dei pochi territori ancora in espansione. Si fanno dei sacrifici - spiega il sindaco -, ma ottenere un finanziamento per questo tipo di progetto non può che essere un grandissimo successo».

La confisca è stata disposta nei confronti di Sebastiano Crivello, originario di Termini Imerese, e Anna Menale di Pescara nel lontano dicembre 1985, confermato poi dalla corte d'appello di Palermo l'anno successivo e divenuto definitivo nell'87. Ma si è dovuto attendere il 2008 perché l'immobile, in seguito a parere positivo della prefettura di Palermo e alla nota finale del Demanio, passasse effettivamente al patrimonio del Comune di Carini. L'immissione è avvenuta l'anno dopo, nel 2009, ma da allora l’immobile di contrada Giacaffe è rimasto in uno stato di totale degrado e abbandono. «Spero non passino anni e anni prima di ricevere questi soldi e di poter fare i lavori necessari, mi piacerebbe avere la soddisfazione di vederli cominciare mentre sono ancora in carica nelle vesti di sindaco - è l’augurio di Monteleone -. Ma se non sarà possibile, non cambierà il successo e l’importanza di un tale progetto, si lavora per la comunità, le conquiste valgono per tutti, è questo conta».

Dell’importo complessivo destinato al recupero e alla riqualificazione dell’immobile, 999.737,65 euro serviranno per i lavori, «comprensivi degli oneri afferenti alla sicurezza dell'importo di 21.935,00 euro non soggetti a ribasso, mentre 500.262,35 euro per somme a disposizione dell'amministrazione». Che si impegna a «sostenere l'onere derivante dalla manutenzione e la gestione della struttura per almeno cinque anni successivi alla conclusione del progetto».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×