Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Piano rifiuti, l'atto di accusa di Orlando a Musumeci
«Vuole fare primo della classe e ministero lo boccia»

Il sindaco di Palermo commenta la bocciatura da parte del Ministero dell'Ambiente del piano varato dall'assessore Alberto Pierobon. «La Regione - accusa - la smetta di decidere cosa devono fare i sindaci senza neanche consultarli»

Miriam Di Peri

Foto di: Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

«La Regione ha voluto fare la prima della classe e si è ritrovata fuori dalla classe stessa». Ne è convinto il sindaco di Palermo e presidente dell'Anci Sicilia, Leoluca Orlando, intervenuto questa mattina nella sala gialla di Palazzo dei Normanni, dove si è tenuto il convegno organizzato in occasione dell'Asael, l'associazione degli amministratori locali. Secondo Orlando, «50 anni fa si ribadiva, con una grande intuizione che oggi appare quasi profetica, l'importanza di coniugare cultura e amministrazione. Questo è stato il lascito più importante di Piersanti Mattarella, che ribadiva l'importanza di condividere con gli amministratori locali una visione. Mi pare un tema di grande attualità in un momento in cui non si comprende che il gioco istituzionale di scontro in base al primato dell'Europa sull'Italia e dell'Italia sulle amministrazioni locali, è un gioco suicida». 

Un gioco che può essere fermato soltanto costruendo una «Europa di minoranze - continua Orlando - in cui nessuno è maggioranza e prevarica. Ma dobbiamo costruire anche un'Italia in cui lo stato non venga considerato uno spazio chiuso, né una sorta di nemico delle autonomie locali. La vera democrazia è l'unione di minoranze, l'unione di debolezze, che è il modo migliore per evitare un populismo che serve solo a mandare tweet, a lanciare slogan e ad affermare oggi i muscoli di qualcuno che sarà domani vittima dei muscoli di qualcun altro».

Un ragionamento che il primo cittadino del capoluogo lega alla notizia di questa mattina, a proposito della bocciatura da parte del Ministero dell'Ambiente, del piano rifiuti targato Musumeci. «La bocciatura del piano rifiuti - attacca - è la conferma di tutto questo. Io credo che sia necessario che ci sia un clima di collaborazione tra le istituzioni che si impegnano nel settore dei rifiuti. La Regione la smetta di decidere cosa devono fare i sindaci senza neanche consultarli, perché poi si troverà un ministro che dirà di smetterla di approvare piani dei rifiuti farlocchi. Vogliamo provare a collaborare? Per quale motivo la Regione ha emanato una lettera il 28 marzo senza raccordarsi prima col ministero dell'Ambiente, con quale poteva trovare soluzioni meno traumatiche? E per quale motivo la Regione vara un piano dei rifiuti senza consultarsi preventivamente col ministero dell'Ambiente? Quando si vuole fare i primi della classe, si scopre che si rimane fuori dalla classe».

Orlando si è anche soffermato sulla situazione cittadina, appesa al destino della discarica di Bellolampo, dove «la situazione - assicura - è assolutamente sotto controllo. Certo - ammette anche - ci sono ritardi molto gravi nella realizzazione della settima vasca che la Regione, dicendo che avrebbe risolto tutti i problemi, si è assunta l'incarico di realizzare, ma siamo ancora qui ad attendere». Intanto a Palermo la differenziata, seppur in lieve aumento, non decolla. «Non sono contento, deve aumentare di più. Siamo impegnati - conclude - perché ci sia un progressivo aumento delle abitudini e della civiltà dei palermitani e dell'efficienza dell'azienda Rap». Tra le proposte in cantiere, anche quella dell'acquisto di nuovi mezzi per la Rap, la municipalizzata che si occupa della gestione dei rifiuti, e la creazione di nuovi centri comunali di raccolta, analoghi a quello di Brancaccio, che ha riscosso successo tra gli abitanti del quartiere.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×