Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Sotto processo a Catania, professore ordinario a Palermo
Il caso di Alfredo Galassi. Unipa: «Manca il parere del cda»

Il noto cardiologo, accusato di aver impiantato degli stent scaduti su alcuni pazienti e sospeso dall'ospedale Cannizzaro, è stato indicato dall'ateneo «quale candidato maggiormente qualificato a ricoprire il posto» al dipartimento di Promozione della Salute

Andrea Turco

Sotto processo a Catania per il cosiddetto caso degli stent scaduti, ma indicato professore ordinario a Palermo: è il caso di Alfredo Galassi, noto medico catanese. Già professore di Cardiologia presso l’università di Catania e dal settembre 2011 responsabile del dipartimento di Emodinamica presso l’ospedale Cannizzaro di Catania, il professionista è stato reclutato dall'università di Palermo. Che lo scorso 26 giugno aveva emanato la «procedura selettiva relativa alla copertura di un professore universitario di prima fascia da ricoprire mediante chiamata, presso il Dipartimento Biomedico di Medicina Interna e Specialistica, oggi Dipartimento di Promozione della Salute, Materno-Infantile, Medicina Interna e Specialità di Eccellenza G. D’Alessandro». Ad aggiudicarsi la selezione, «quale candidato maggiormente qualificato a ricoprire il posto», appunto il noto cardiologo catanese che nel suo campo risulta tra i più affermati professionisti del settore a livello internazionale

Ma nel 2015 scoppia il caso degli stent, ovvero i tubicini in rete metallica usati per riparare le arterie ostruite o indebolite, che di solito vengono impiantati nel paziente attraverso un intervento di angioplastica. Un'operazione piuttosto usuale per il cardiologo che operava al Cannizzaro. Sono sette i pazienti che lo citano a giudizio quando scoprono che le apparecchiature erano scadute. Per il primario i reati ipotizzati sono abuso d’ufficio e somministrazione di farmaci guasti

Nel procedimento l’ospedale Cannizzaro è presente come parte civile e, allo stesso tempo, come responsabile civile (citato dagli stessi pazienti). Gli stent sono strumenti medici che vengono acquistati dagli ospedali attraverso delle gare d'appalto. L'accusa per il primario consiste nell'aver impiantato alcuni stent nonostante fossero scaduti, e ciò sarebbe avvenuto consapevolmente. La difesa sostiene che il dottore non poteva notare la data di utilizzo, perché questi sono strumenti aperti direttamente nel corso dell'intervento chirurgico e quindi Galassi non poteva saperlo. Dopo un difficile avvio si prevede comunque un processo molto lungo, visto che saranno nominati molti consulenti e invocati altrettanti testimoni. In fase di udienza preliminare, inoltre, sono stati assolti altri due medici che avevano utilizzato le apparecchiature e che hanno dimostrato la propria inconsapevolezza, mentre gli imprenditori che li avevano forniti sono stati anch'essi rinviati a giudizio. 

Al momento il cardiologo affronta il processo di primo grado a Catania. Il docente è stato sospeso temporaneamente dall'azienda ospedaliera Cannizzaro, dove operava, poiché il presunto illecito sarebbe stato compiuto nell'ambito dell'attività assistenziale e non didattica. L'ateneo ha avviato, come da prassi, un procedimento disciplinare che comunque è stato congelato in attesa dell'esito del procedimento penale. Ma intanto per lui si aprirebbe una nuova parentesi professionale a Unipa, in un ruolo ambito e delicato. Una scelta destinata a far discutere. Fonti interne all'università catanese sottolineano che in ogni caso, non essendo previste particolari indicazioni di legge, subentrerebbero ragioni di opportunità. «Ci sono ancora delle procedure da effettuare - rispondono dall'ateneo palermitano - Manca ancora la nomina del dipartimento e l'approvazione del consiglio di amministrazione. Fino a quel momento non abbiamo nessun commento da fare».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×