Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Blutec e il modellino Ferrari fatto realizzare agli operai
«Qui non serve il reddito di cittadinanza ma il lavoro»

L'episodio, «che si commenta da solo», è stato raccontato dal sindacalista Roberto Mastrosimone. Il deputato Nicola Fratoianni ha ricordato che «bisogna ricostruire una politica industriale, altrimenti di crisi come questa ne vedremo ancora molte altre»

Redazione

A volte un singolo episodio racconta più di un'ordinanza da centinaia di pagine. È quello che accade con la riconversione industriale dell'ex stabilimento Fiat di Termini Imerese. Dopo l'operazione della guardia di finanza, coordinata dalla locale procura, che ha portato all'arresto degli amministratori di Blutec - coloro che avrebbero dovuto rilanciare il polo automobilistico del Palermitano - sono i dettagli a rendere più ricco il quadro. Non solo l'ex presidente Roberto Ginatta, stando a quanto riferito da un testimone, avrebbe detto che «non si sognava minimamente di spendere tutti i soldi ricevuti dello Stato nello stabilimento di Termini Imerese», ma avrebbe pure chiesto alle tute blu palermitane, in occasione del compleanno del figlio, di realizzare un modellino della Ferrari per regalarne poi l'originale al rampollo di casa.

A raccontare l'aneddoto, sulla trasmissione tv L'aria che tira, è stato il segretario Fiom Sicilia Roberto Mastrosimone. «Un episodio che si commenta da solo - ha commentato il sindacalista. - Resta il fatto che qualcuno ha portato qui Blutec e siamo convinti che FCA, l'allora Fiat, abbia una grande responsabilità. Siamo l'unico paese dove c'è un solo produttore italiano. Non basta dire "siamo con loro" e manifestare solidarietà, qua c'è l'urgenza. Anche Invitalia ha un ruolo importante, il tempo è tutto. CI sono lavoratori senza cassa integrazione dal 31 dicembre e questo potrebbe essere per gli altri l'ultimo anno con gli ammortizzatori. Il ministro Di Maio convochi urgentemente una riunione con FCA al tavolo. Qui non c'è bisogno di reddito di cittadinanza, ma di lavoro. Produciamo macchine dagli anni '70, qui in Sicilia, e questo vogliamo tornare a fare».

E della responsabilità di FCA, la multinazionale automobilistica ridisegnata da Sergio Marchionne, ha parlato anche Nicola Fratoianni, deputato e segretario di Sinistra Italiana. «Quella di Termini - ha detto Fratoianni - è una delle tante storie del declino industriale di questo Paese, e questa vicenda non inizia con l'arrivo di Blutec. Questi lavoratori sono quelli a cui dire grazie perché se siamo qui a parlare di cosa poter ancora ricostruire è per loro. C'è una responsabilità gigantesca di FCA, senza la tenacia dei dipendenti che ancora oggi hanno forzato i cancelli per difendere la loro fabbrica e il loro lavoro oggi sarebbe tutto chiuso da tempo. Bisogna ricostruire una politica industriale, altrimenti di crisi come questa ne vedremo ancora molte altre».

E mentre si attende un nuovo incontro con il ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro Luigi Di Maio - che il 23 febbraio era pure stato a Termini Imerese, riuscendo comunque a ottenere soltanto un rinnovo degli ammortizzatori sociali per altri sei mesi - al programma di La7 si è espresso anche Gian Marco Centinaio, ministro dell'Agricoltura in quota leghista. «Il compito del governo - ha detto - è cercare il più velocemente possibile una soluzione, aspetto di vedere anche io la data di convocazione. Il mio messaggio è basta dare i soldi a chi poi ce li ruba, non siamo fessi, altrove chi prende i soldi deve presentare piani industriali realizzabili. Non voglio anticipare nessuno, ma secondo me i fondi dovrebbero essere dati solo dopo aver raggiunto obiettivi precisi».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×