Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Operazione Atena: cocaina, turismo e caffè
Così si autofinanziava la nuova Cosa nostra

La criminalità organizzata del territorio è in fermento e cerca di rimpinguare le sue casse attraverso le attività illecite storiche come lo spaccio e le estorsioni. È il dato che emerge dall'inchiesta, costola di Cupola 2.0, che ha portato all'arresto di 32 persone. Video

Stefania Brusca

Cosa nostra è in fermento e a caccia di denaro per ritornare forte e lo fa affidandosi alle attività illecite più redditizie, come il traffico di droga e le estorsioni. Un dato che emerge dall'operazione Atena, condotta dai carabinieri del comando provinciale, coordinata dalla direzione distrettuale antimafia di Palermo, che ha portato all'arresto di 32 persone. L'operazione è la prosecuzione di un'altra inchiesta, Cupola 2.0, del 4 dicembre scorso. Colpito uno dei mandamenti più importanti dei 15 presenti in città e provincia, quello di Porta Nuova. 

Dall'inchiesta appare chiaro «come le due attività che venivano condotte dal mandamento di Porta Nuova - riferisce il comandante provinciale dei carabinieri Antonio Di Stasio - erano quelle storiche del traffico di sostanze stupefacenti all'estorsione». Il comandante dei carabinieri sottolinea come tutte le risultanze investigative non sono altro che uno spin-off di quelle che erano state condotte sempre dai carabinieri a dicembre, che portarono all'arresto non soltanto del capo della nuova commissione provinciale, ma anche di capi mandamento di altre compagini di cosa nostra molto importanti sul territorio di Palermo. In quell'occasione fu colpito il mandamento di Belmonte Mezzagno e lo stesso mandamento di Porta Nuova con l'arresto del reuccio Gregorio Di Giovanni. 

«Ecco come la nuova commissione provinciale che si era costituita - continua Di Stasio - voleva ritornare forte, e attraverso le sue articolazioni e i suoi mandamenti si stava dedicando quelle che continuavano a essere forse le vere attività illecite per rimpinguare le casse di cosa nostra e anche per sostenere le famiglie di chi è già in carcere». L'operazione condotta oggi, oltre a colpire gli spacciatori, ha portato alla luce gli autori di cinque estorsioni, consumate o tentate, nei confronti di commercianti di Palermo, e ha colpito anche due attività imprenditoriali, una che opera nel turismo, la Pronto bus Sicilia Srl, e l'altra una nota trattoria alla Vucciria di Palermo Osteria del Casereccio, sottoposte a sequestro preventivo. Sigilli anche a due attività di rivendita di caffè. Contestato il reato di illecita concorrenza aggravata dal metodo mafioso per avere imposto la fornitura di caffè a bar del territorio. 

Insomma lo spaccio di droga continua a essere fonte di approvvigionamento importante per cosa nostra, forse seguito soltanto dalle estorsioni. Una domanda, quella di sostanze stupefacenti, soprattutto cocaina, che invece di diminuire sta aumentando e riguarda anche cittadini facoltosi. Sono stati documentati circa 200 acquirenti tra professionisti e imprenditori, che saranno segnalati alla prefettura in qualità di assuntori. «Sono numerosi  - afferma Di Stasio - anche perché la droga ha un costo e purtroppo alcuni acquirenti hanno la possibilità di acquistarla. C'è questo fermento in cosa nostra, questo spasmodico desiderio di rimpinguare le casse e quindi ritorna in auge lo spaccio di sostanze stupefacenti. C'è anche il desiderio di cosa nostra di ricostituire quei canali di approvvigionamento autonomo: oggi e si trovano costretti a ricorrere al mercato calabrese o a quello campano». Sequestrata una grossa quantità di denaro contante che era nelle disponibilità di uno dei 32 colpiti dalla misura. 

Anche questa volta i commercianti colpiti hanno denunciato, anche se in sede di interrogatorio, quando già i militari avevano acquisito anche dal punto di vista delle intercettazioni e dei video, il pagamento dell'estortore. «Ma chi non ha l'onore e il privilegio di indossare questa uniforme  - conclude il comandante provinciale - può essere vittima di una forma di paura giustificabile. Lo Stato e l'arma dei carabinieri devono creare quelle risposte puntuali perché possa innescarsi quel sentimento di fiducia che gli operatori di giustizia devono guadagnarsi nei confronti dei cittadini». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×