Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Festino, carro Santuzza fatto da detenuti dell'Ucciardone
«Santa Rosalia è patrona palermitani, nessuno escluso»

Altra novità di quest'anno è un calendario di appuntamenti, uno diverso dall'altro, che accompagnerà la città fino al Festino. Filo conduttore della manifestazione è l'inquietudine. Barbera: «Un'apertura che agevola il reinserimento sociale»

Stefania Brusca

«Un carro costruito pezzo per pezzo dai detenuti dell'Ucciardone». Nelle parole di Lollo Franco, direttore artistico del 395esimo Festino di Santa Rosalia, è racchiusa una novità assoluta nella sua storia centenaria, una novità ricca di significati che scavano a fondo nella natura umana. Il carro della Santuzza verrà realizzato in ogni sua parte all'interno dell'istituto di pena, per poi essere assemblato all'esterno, nel parcheggio, in un'area visibile ai passanti. Altra novità di quest'anno è un calendario di appuntamenti, uno diverso dall'altro, che accompagnerà la città, mese per mese, fino al Festino. Filo conduttore della manifestazione è l'inquietudine. Un sentimento molto presente tra le mura di un carcere. «Aspettando il  Festino si costruisce - aggiunge il direttore artistico - i detenuti costruiscono. Questo penso sia il grande riscatto per la città, il superamento dell'inquietudine».

«I detenuti che realizzeranno il carro sono gli stessi che in questi anni hanno portato avanti il laboratorio teatrale guidati da Lollo Franco, ma aiutati dai tecnici (un gruppo di giovani allievi dell'Accademia di Belle Arti ndr). Non escludiamo di coinvolgere anche altri detenuti che, pur non facendo parte del laboratorio, abbiano le competenze per contribuire alla realizzazione della struttura», afferma Rita Barbera, direttrice del carcere Ucciardone Calogero di Bona, che poi aggiunge riguardo al tema dell'iniziativa: «Penso che il carcere sia inquietudine. Un sentimento condiviso da tutti i detenuti ma anche da tutto il personale. Il carcere è un'istituzione chiusa e come tutte le iniziative che aprono alla città, questa agevola il reinserimento sociale, una delle funzioni degli istituti di pena. Un'apertura che significa che la cittadinanza può vedere cosa c'è dentro un carcere, e a maggior ragione in questo caso, sperimentarlo attraverso un prodotto che fa parte di Palermo, come il carro». 

Proprio questo sentimento ha fatto sì che si unissero le tessere di un mosaico. L'idea del carro costruito dai detenuti, proposta dal presidente della Commissione Beni e attività culturali del Comune, Francesco Bertolino, è stata sposata in pieno dal direttore artistico del Festino. A riunire il tutto il filo rosso dell'inquietudine, suggerito dal sindaco che afferma: «L'Ucciardone è Palermo e Palermo è l'Ucciardone, a sottolineare, ancora una volta, che Santa Rosalia è la patrona di tutti i palermitani nessuno escluso». Un gioco di squadra quindi partito l'anno scorso, all'indomani del Festino, e che adesso è arrivato a compimento. 

«È stato arduo pensare che il Carro Trionfale che ha fatto Pitrè venisse realizzato dai detenuti - ammette Franco - ma Fabrizio Lupo, docente di scenografia dell'accademia di belle arti contribuirà alla sua costruzione. Ho pensato che il tema di quest'anno ricondotto alla realtà dei detenuti, rappresentasse una possibilità di reinserimento, di ri-valutazione del proprio percorso di vita, di riconsiderazione di un futuro possibile. La cultura è capace di realizzare grandi trasformazioni negli uomini». L'idea di base del direttore artistico è quella di ispirarsi allo sgabello delle carceri borboniche, che «non hanno spalliera, perché non gli spetta», decorati con i colori del gusto popolare e «realizzati - spiega Lupo - dai detenuti quale volontà di riscatto, da una condizione della quale ci si vuole liberare».

A rappresentare l'arcivescovo Corrado Lorefice, monsignor Filippo Sarullo che spiega: «Già l'anno scorso avevo preso l'iniziativa di portare le reliquie di Santa Rosalia nelle carceri di Palermo, ed è stato un momento molto significativo, proprio per far vivere il Festino a tutti. Quest'anno si aggiunge un altro aspetto non meno significativo, come la realizzazione del carro. Guardandolo il 14 luglio penseremo all'amore e alla passione che hanno messo nel realizzarlo. Tutti potranno sperimentare la libertà del cuore e davanti a questo non c'è grata che tenga».

Tra gli eventi che precederanno il festino ci sono una visita guidata del Santuario di Santa Rosalia a cura di don Gaetano Ceravolo, la celebrazione dell'arrivo al porto di Palermo della nave dall'Africa con il morbo della peste, e una giornata di studi sui simboli del sacro femminile al Museo internazionale delle Marionette Antonio Pasqualino, curato da Ignazio Buttitta: «Un convegno intitolato Rosalia e le altre - spiega il professore -  teso a evidenziare che il simbolismo religioso che ruota intorno all'immagine della santa, come la grotta, l'acqua, la montagna, le ossa, integra una molteplicità di storie e di culture e quindi valorizza la Festa della Santa come festa di tutte le realtà umane e di tutte le comunità che vivono in questa città». Chiude la serie di iniziative un evento finale a villa Pantelleria il 5 luglio. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×