Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

CamminaItalia, tre giorni a piedi per i monti palermitani
«Percorsi del genere portano al turismo destagionalizzato»

La partenza per gli appassionati di trekking è prevista per venerdì 8 marzo: da San Giuseppe Jato a Cefalà Diana, attraverso luoghi perlopiù incontaminati dove ritrovarsi a contatto con la natura, lontano dallo smog e dai rumori dei centri abitati

Danilo Daquino

«Riscoprire il territorio camminandoci dentro». È l’invito che Giuseppe Riggio, autore di guide e socio del Club Alpino Italiano della Sicilia, rivolge ad appassionati e non di trekking per prendere parte alla manifestazione CamminaItalia 2019, che da venerdì 8 marzo, per tre giorni, vedrà un folto gruppo di soci del Cai, promotore dell’iniziativa, attraversare i monti del palermitano a piedi. «Si tratta di un evento nazionale a carattere promozionale - spiega a MeridioNews - una sorta di grande staffetta che per tutto l’anno impegnerà i vari gruppi regionali del Club Alpino Italiano, coinvolgendo ogni settimana una regione diversa». Questo fine settimana toccherà alla Sicilia, dove camminatori, montanari e anche semplici appassionati percorreranno la provincia di Palermo da San Giuseppe Jato a Cefalà Diana, passando da Piana Degli Albanesi e Ficuzza, in territorio di Corleone. 

«Le varie sezioni del Cai Sicilia, presieduto da Giuseppe Oliveri, in questi mesi hanno lavorato e stanno continuando a farlo per ripristinare l’itinerario del Sentiero Italia, un progetto nato nel 1995 e che il sodalizio ha voluto rilanciare nell'anno del turismo lento. Sono 29 tappe, da Trapani a Messina, ma per il CamminaItalia 2019  specifica l'appassionato - è stato scelto di promuovere il tratto dedicato all'entroterra palermitano, località che grazie al trekking possono oggi presentarsi in maniera differente sul mercato turistico internazionale. Fino al 10 marzo percorreremo stradine di campagna, sentieri vari e la vecchia ferrovia di Ficuzza, tappe relativamente brevi e alla portata di tutti». Il programma della tre giorni prevede anche un incontro con l’amministrazione comunale di Piana degli Albanesi, cui seguirà la visita guidata delle chiese e del museo civico, e una cerimonia di benvenuto ai camminatori all’interno della Casina di Caccia di Ficuzza. 

«La manifestazione serve anche per presentare la nostra importante opera di valorizzazione del Sentiero Italia, grazie alla quale chiunque attraverserà le 29 tappe tracciate dai soci del Cai, camminando per quasi un mese, potrà trovare la segnaletica che prima era assente e i viottoli puliti - sottolinea Riggio - È ormai dimostrato che questi lunghi percorsi portano del turismo destagionalizzato, che arriva nei centri minori e nei posti marginali. L’esempio più eclatante è il cammino di Santiago di Compostela, anche quello della durata di un mese, famoso in tutto il mondo con oltre 200mila frequentatori l’anno, che ha cambiato intere comunità in meglio, dove magari era inimmaginabile ospitare turisti stranieri». Ai benefici per l’economia locale, sostiene Giuseppe Riggio, vanno aggiunti quelli fisici per chi sceglie di camminare. «Il Sentiero Italia è adatto a persone di tutte le età e agli appassionati del viaggio lento», perché appunto non va percorso di corsa: in 29 giorni è possibile attraversare i rilievi costieri della riserva dello Zingaro, l’entroterra Palermitano protagonista dell’iniziativa di venerdì, le Madonie e i Nebrodi con un'apposita deviazione verso l’Etna. «Tracciando il percorso, i nostri soci hanno fatto in modo di far coincidere i posti tappa con i piccoli centri, dove sono stati individuati i posti in cui dormire e mangiare, questo proprio per offrire benefici ai paesi», aggiunge.

Insomma, luoghi perlopiù incontaminati dove ritrovarsi a contatto con la natura, lontano dallo smog e dai rumori dei centri abitati, che grazie al volontariato torneranno ad attrarre camminatori e alpinisti: chi vorrà, potrà scegliere di percorrere, oltre all'intera isola, tutta la penisola, da Trapani a Triste in quello che viene considerato il più lungo percorso di trekking al mondo, con un percorrenza complessiva di 6880 chilometri. Intanto, venerdì, i soci del Club Alpino Italiano Sicilia e non solo si ritroveranno alla Masseria Dammusi di San Giuseppe Jato, da dove avrà inizio CamminaItalia 2019 che si concluderà poi domenica ai Bagni di Cefalà Diana - antiche Terme Arabe, dopo circa 40 chilometri complessivi di passeggiata.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×